Normative

Gli aggiornamenti di leggi e decreti che riguardano il mondo dei vini, degli spiriti e degli aceti

Nella seduta della Commissione Agricoltura della Camera di giovedì 21 marzo, il Sottosegretario alle politiche agricole Alessandra Pesce ha risposto all’interrogazione 5-01723 Nevi (FI) sull'emanazione del decreto di cui all'articolo 48, comma 9, della legge n. 238 del 2016, in materia di contrassegni dei vini DOCG e DOC. In particolare, la referente del MiPAAFT ha ricordato che il testo unico del vino ha apportato numerose innovazioni richieste dal mondo produttivo di semplificazione e di revisione delle norme, prevedendo l'emanazione di 36 decreti attuativi, ridotta poi a 28 a seguito di accorpamenti di materie. Allo stato attuale, inoltre, il Ministero sta ultimando il lavoro relativo ai rimanenti 7 decreti attuativi, tra cui il tema segnalato dall'interrogante.

Per il Sottosegretario, è interesse del Ministero portare a termine, in tempi brevi, la riforma avviata al fine di rispondere, da un lato, all'esigenza del consumatore di poter disporre di un sistema di informazione autentico e non alterabile e, dall'altro alla necessità di garantire l'affidabilità del prodotto, anche a tutela degli stessi produttori. La crescita delle nostre esportazioni in campo agricolo e alimentare, pretende ogni sforzo di investimento sull'eccellenza, la tipicità e l'autenticità delle nostre produzioni, tra le quali si colloca – a fortissima vocazione export – il vino, di cui siamo primo produttore mondiale.

Su questo, il Sottosegretario ha rassicurato l'interrogante sull'estrema attenzione che il Ministero pone alla valorizzazione e tutela del Made in Italy e l'impegno a concludere il corposo processo di revisione normativa introdotto con il Testo Unico del Vino.

In fase di replica, l’On. Russo,(FI) cofirmatario dell’atto, si è dichiarato soddisfatto della risposta, ricordando che il provvedimento del Ministero è particolarmente atteso dal comparto del vino al fine di tutelare, attraverso un modello di tracciatura avanzato, le produzioni made in Italy dai fenomeni di contraffazione che inficiano la fiducia dei consumatori.

Fonte

Link al resoconto di seduta

http://www.camera.it/leg18/824?tipo=C&anno=2019&mese=03&giorno=21&view=&commissione=13&pagina=#data.20190321.com13.bollettino.sede00010.tit00020

Link al testo dell’atto

http://www.camera.it/leg18/824?tipo=A&anno=2019&mese=03&giorno=21&view=&commissione=13#data.20190321.com13.allegati.all00010

Fonte

Testo dell’atto presentato

NEVI e PAOLO RUSSO. — Al Ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo. — Per sapere – premesso che:

   il comparto del vino riveste una crescente importanza nell'ambito del settore agroalimentare nazionale. Un modello di tracciatura, che consenta di seguire il percorso di ciascuna bottiglia dal produttore sino al più remoto dei rivenditori è il principale indicatore della affidabilità del produttore e della qualità del prodotto;

   in tale ottica, l'articolo 48 della legge n. 238 del 2016 di riforma del settore del vino, prevede, al comma 6 che i vini docg e doc devono essere immessi al consumo in bottiglia muniti di uno speciale contrassegno stampato dal Poligrafico dello Stato o da tipografie autorizzate, applicato in modo da impedirne il riutilizzo e fornito di un'indicazione di serie e di un numero di identificazione; il citato articolo prevede, al comma 8, che i consorzi di tutela o le regioni possono avvalersi di un sistema telematico di controllo e tracciabilità alternativo a quello del comma 6 dotato degli elementi necessari a garantire la sicurezza del prodotto;

   il comma 9 demanda ad un decreto del Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo l'attuazione di queste disposizioni. Nel novembre del 2017 tale decreto era in corso di redazione, ma, da informazioni anche recentemente assunte, di tale atto si è persa traccia. L'Unione italiana vini (Uiv) ha richiesto, al fine di ridurre i costi della filiera, l'adozione dei citati sistemi alternativi di tracciabilità;

   nelle more dell'emanazione, il Poligrafico dello Stato, continua a produrre in esclusiva le fascette – pur non essendo queste carte valori, ai sensi della precedente normativa (decreto del Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo del 19 aprile 2011) e ha presentato un proprio modello di tracciatura con la app «Trust your Wine» che legge le fascette oggi in uso, che sono state più volte oggetto di falsificazione-:

   se non ritenga opportuna la sollecita emanazione del decreto di cui al comma 9 dell'articolo 48 della legge n. 238 del 2016, aprendo il mercato al fine di ridurre i costi e prevedendo, in tale ambito, rigorosi disciplinari, che assicurino la realizzazione di contrassegni (fascette o altro tipo di etichettatura) con le caratteristiche di unicità, univocità e irripetibilità, al fine di rafforzare la fiducia che i consumatori nazionali e internazionali hanno rispetto al vino italiano. 
(5-01723)

Alla scoperta dei sapori di Trapani: un viaggio enogastronomico dal mare alla valle del Belice

13-06-2024 | Itinerari

Un viaggio enogastronomico nella provincia di Trapani è un'esperienza che...

Masaf: deroga al 3% per la ristrutturazione dei vigneti nelle aree colpite da peronospora

13-06-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Vent’anni di export: la corsa di vino e spirits sui mercati internazionali

12-06-2024 | News

Negli ultimi anni, il panorama mondiale dell'export di vino e...

In dono ai Capi di Stato del G7 l’Atlante del patrimonio agroalimentare italiano

12-06-2024 | News

In occasione del prossimo G7, il governo italiano ha deciso...

Usa, indagine sulle sovvenzioni cinesi ai produttori di bottiglie

12-06-2024 | Estero

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha stabilito in...

No Binge: premiato il progetto dell’Università di Verona

11-06-2024 | News

Ancora un successo per “No Binge – Comunicare il consumo responsabile”, il...

Please publish modules in offcanvas position.