News

Nel 2017 le dogane dell'UE hanno sequestrato oltre 31 milioni di articoli contraffatti alle frontiere dell'UE, per un valore commerciale superiore a 580 milioni di euro. E la prima categoria di merci contraffatte è rappresentata dai prodotti alimentari, pari al 24% del valore totale degli articoli sequestrati, seguiti dai giocattoli (11%), dalle sigarette (9%) e dall'abbigliamento (7%). 

top-categories-by-number-of-detained-articles-ipr-infrigments.png

La Cina contunua a essere il principale paese di origine da cui sono state spedite le merci che violavano i diritti di proprietà intellettuale verso l'UE, ma per alcuni settori il pericolo arriva da altri paesi: la Repubblica Moldova è la principale mittente per le bevande alcoliche, gli Stati Uniti per altre bevande, la Turchia per l'abbigliamento, Hong Kong, Cina per telefoni cellulari e accessori (CD/DVD; cartucce d'inchiostro e toner e etichette, cartellini e adesivi) e l'India per i farmaci.

top-countries-of-provenance-of-detained-articles-ipr-infrigments.png

Per quanto riguarda le modalità di trasporto, il 65 % di tutte le merci sequestrate è giunto nell'UE per via marittima, generalmente in grandi partite. Al secondo posto si colloca il traffico aereo, che ha trasportato il 14 % degli articoli falsi. Al terzo posto si trovano il traffico per corriere e i servizi postali, che insieme rappresentavano l'11 % e riguardavano principalmente beni di consumo ordinati in linea, quali calzature, abbigliamento, pelletteria e orologi.

Negli ultimi 50 anni l'Unione doganale si è trasformata in un pilastro del nostro mercato unico, tutelando le frontiere dell'UE e proteggendo i nostri cittadini da merci vietate e pericolose, come armi, stupefacenti e merci contraffatte. La relazione della Commissione sulle azioni delle dogane per il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale è pubblicata ogni anno dal 2000 e si basa sui dati trasmessi dalle amministrazioni doganali degli Stati membri. I dati di quest'anno sottolineano l'importanza delle misure presentate l'anno scorso dalla Commissione per garantire che i diritti di proprietà intellettuale siano tutelati correttamente, incoraggiando in tal modo le imprese europee, in particolare le PMI e le start-up, a investire nell'innovazione e nella creatività. L'iniziativa intende facilitare la possibilità di intervenire con efficienza contro le violazioni dei DPI, agevolare la risoluzione delle controversie transfrontaliere e impedire l'ingresso nell'UE di merci contraffatte o usurpative.

Vini, spiriti e aceti, positivo il bilancio 2022 ma cautela su prospettive 2023

02-12-2022 | News

In attesa di un 2023 per il quale gli organismi...

Comitato misto Italia-Francia-Spagna sul vino: la Ue ci ascolti sulle nuove etichette

02-12-2022 | News

Riunito a Roma il Comitato misto franco-spagnolo-italiano per il settore...

Lollobrigida: il governo si impegnerà a snellire la burocrazia per la filiera vino-spiriti

02-12-2022 | News

"Il 2022 è stato un anno complesso, cominciato sotto i...

L’elenco Masaf dei Laboratori designati all'analisi di prodotti biologici

01-12-2022 | Normative

Il ministero delle Politiche agricole ha pubblicato l'elenco dei Laboratori designati...

Enoturismo: a Montalcino, in estate presenze a +20% sul pre-Covid

01-12-2022 | Itinerari

“La scorsa estate Montalcino è tornata a essere il feudo...

Accordo di libero scambio Ue-Australia: si rischia l’inciampo sul Prosecco

30-11-2022 | News

I negoziati tra Unione Europea e Australia per un accordo...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.