News

La Cina ha il primato delle vendite online di alcolici. Un mercato che vale - secondo un recente rapporto dell’IWSR (International Wines and Spirits Record) - 6,1 miliardi di dollari, quattro volte quello statunitense.

Il rapporto, ‘A strategic roadmap for alcoholic beverages’, rileva che con più di 770 milioni di utenti Internet, il colosso asiatico vede una crescita annuale degli acquisti online di alcolici pari al 15%. Un mercato concentrato su due player, Tmall e JDcom, che si spartiscono il 70% delle vendite.

Rispetto all’Europa la differenza maggiore è lo sviluppo, nel vecchio continente, di un meccanismo di vendita misto: qui infatti - in Francia e Regno Unito - si registra la più alta percentuale di vendite off-trade derivanti da attività di e-commerce. In Francia la quota di acquisti in luoghi fisici dovuta all’online è pari al 9% (rispetto all’1% negli Usa), soprattutto grazie alle formule ‘click-and-drive’ offerte da molti supermercati. Anche le vendite online dirette nel settore del vino sono effervescenti, con almeno 400 siti specializzati.

La e-commerce consumer survey 2018 di IWSR tuttavia registra ancora una modesta frequenza di acquisti online in molti mercati: solo Cina e Uk presentano più del 50% dei consumatori che acquistano beni via internet almeno una volta al mese. La motivazione prevalente, nella maggioranza dei casi, è la praticità piuttosto della convenienza. Nel Regno Unito, nonostante gli sforzi di alcuni storici retailer del mondo vinicolo come Majestic e The Wine Society per lo sviluppo delle vendite online, il mercato degli acquisti digitali nel settore è dominato dalle catene della grande distribuzione, in testa Tesco e Asda.

E l’Italia? Anche da noi il business è in crescita. Il player principale resta Italian Wine Brands, seguito da Tannico che muove un milione di bottiglie l’anno e ha registrato 11 milioni di fatturato nel 2017, con la previsione di arrivare a 18 quest’anno.

Nelle vendite online a fare la parte del leone è tuttora il vino, con una quota che oscilla dal 60 al 70%. Tra gli spiriti prevalgono i marchi con forte presenza digitale e supporto marketing online. 

Vinitaly non slitta: confermata la manifestazione ad aprile

26-02-2020 | News

A differenza di altre importanti manifestazioni vessillo del made in...

Coronavirus: sospesi fino al 31 marzo gli adempimenti tributari nelle zone "rosse"

25-02-2020 | News

 In seguito alla diffusione del Coronavirus e alla interruzione di...

Dazi Usa: tre strategie per gli spiriti italiani

23-02-2020 | News

Il 14 febbraio l’amministrazione Usa ha confermato i dazi del...

Arriva il cocktail ispirato al film di Aldo, Giovanni e Giacomo

22-02-2020 | Arte del bere

«I miei comici preferiti chiamano il loro anziano regista per...

Il monopolio svedese Systembolaget chiede un'ammenda di 3 milioni di corone alla app Vivino

22-02-2020 | News

Il monopolio svedese dell'alcool, Systembolaget, ha comminato alla società di...

Onav si apre alle etichette non convenzionali: verso un corso sui vini "anarchici"

21-02-2020 | Trend

Una definizione forte per una tematica di grande attualità, la...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection