News

×

Attenzione

JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: [ROOT]/images/Ismea 24 luglio 2018

×

Avviso

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/Ismea 24 luglio 2018

Si avvia verso la conclusione la transizione dall’Igt (indicazione geografica tipica) alla Doc (denominazione origine controllata) del Pinot Grigio delle Venezie: dal 1° agosto, infatti, l'Igt non potrà più essere imbottigliato. A renderlo noto è il Consorzio Doc delle Venezie che ha chiuso la semestrale superando il milione di hl di vino certificato (1.003.615 hl) pari a oltre 130 milioni di bottiglie di Pinot grigio per un 73% di prodotto vendemmiato e un 50% di imbottigliato. "Si chiude - ha commentato il presidente dell'organismo di tutela Albino Armani - una fase storica del Pinot grigio del Nord-est che uscirà quindi dalle cantine solo con la garanzia della Doc proiettando la varietà locale, una delle poche che caratterizzano questo territorio, verso un futuro di riqualificazione e riposizionamento del prodotto sui mercati". Quanto invece alla previsione della prossima vendemmia il presidente, con le dovute cautele, ha detto "che si preannuncia molto buona con un +20%". Anche se i produttori sono ancora molto cauti sui risultati di mercato. “Ci aspetta ancora un anno di sofferenza, dovuto al periodo di transizione  – spiega Christian Marchesini presidente Viticoltori di Confagricoltura Veneto –. A rallentare il mercato sono le scorte dell’Igt, che non sono ancora terminate. Quando il sistema entrerà a pieno regime, non si potrà più imbottigliare l’igt e a quel punto la situazione dovrebbe stabilizzarsi. Solo allora potremo avere una fotografia reale dell’andamento della doc”.

Intanto nei giorni scorsi - informa il Consorzio in una nota - è stata inviata alla Provincia Autonoma di Trento e alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Veneto una formale richiesta di stoccaggio del Pinot grigio, che dovrebbe modulare l'immissione al consumo del prodotto a Pinot grigio delle Venezie in maniera coerente con l'evoluzione della domanda. Un intervento - viene precisato - doveroso nei confronti dei produttori e delle organizzazioni di categoria per garantire stabilità al mercato delle uve della prossima vendemmia, dei mosti e dei vini e mettere al riparo il prodotto da oscillazioni speculative.

Il Consorzio Doc delle Venezie è stato costituito ad aprile 2017, un organismo che mette assieme la maggior parte dei produttori del Pinot Grigio nel Veneto e che ha come obiettivo quello di valorizzare questa importante produzione, stabilizzare i redditi e creare occupazione. Il percorso di qualificazione della nuova Doc, avviato grazie a un disciplinare puntato con decisione sulla qualità, ha ridefinito i valori di riferimento per ogni fase produttiva con l’obiettivo di valorizzare tutti i vini Pinot grigio, diminuendo la produzione di ben 26 ettolitri/ettaro rispetto alle IGT. Questo ha permesso un miglioramento significativo dei parametri qualitativi del prodotto finale che verrà etichettato come Pinot grigio Doc delle Venezie. Che sia Doc delle Venezie o che venga etichettato secondo i disciplinari di una delle 20 Doc territoriali che storicamente producono Pinot grigio, a partire dalla vendemmia 2017 tutto il prodotto Triveneto è certificato in modo tale da comporre un Sistema coordinato e garantito a vantaggio del consumatore finale.

Barbera d'Asti e Vini del Monferrato: progetto genetico per affrontare le sfide del clima

26-01-2023 | Arte del bere

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato è da...

Assovini, riflettori su Messina e le sue Doc

26-01-2023 | Itinerari

Due mari, il Tirreno e lo Ionio, tre Doc, Faro...

Agroalimentare, in crescita Pil, investimenti e consumi

25-01-2023 | Studi e Ricerche

Cresce ancora la performance economica anche nel III trimestre 2022...

Forte crescita per il whisky indiano, aumenta la quota dei single malt

25-01-2023 | Estero

Secondo l'analisi del mercato delle bevande dell'IWSR, il whisky indiano...

In Giappone l’AI trova l’abbinamento perfetto tra sushi e sake

25-01-2023 | Trend

Uno storico produttore di sake a Fukushima, in Giappone, ha...

Alla Camera una risoluzione per contrastare la norma irlandese sulle etichette degli alcolici

25-01-2023 | News

Una risoluzione che impegna il governo ad assumere iniziative a...

© 2023 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.