News

Aumento dei consumi - dopo l'impennata off-trade durante i mesi di lockdown - ripresa dell'export, con l'eccezione di Germania e l'ottima performance in Cina controbilanciata dagli insufficienti valori. L'Italia si conferma comunque primo esportatore mondiale in volume. In forte spolvero gli spumanti in Gdo, dove il 75% delle bottiglie di Charmet secco è Prosecco. Quasi un terzo dei consumatori italiani acquista vino online, ma l'incidenza dell'e-commerce sul totale off-trade è ancora minima (4% nel 2020 contro il 12% di Uk e il 10% della Francia). 

Buoni numeri anche per gli spirits. Nei primi 9 mesi dell'anno si è registrato un aumento dell'8,3% per un valore complessivo di 841 milioni di euro. A guidare il trend gli Aperitivi (23,8% del valore) mentre tra i distillati spicca la Grappa (92 milioni nei primi nove mesi). Nella Gdo i top seller dei liquori sono i Cremosi. Complice la pandemia, gli italiani hanno preso l'abitudine alla "mixology domestica". Spicca infatti il trend degli Aperitivi Pre-miscelati, cresciuti del 43,1% rispetto ai primi nove mesi del 2020.

40C56973 8AA0 404D 9A1F E80AD1B14740

Questi alcuni highlights dei dati dell'Osservatorio Federvini presentati oggi a Milano. Dati positivi - ha rilevato la presidente di Federvini Micaela Pallini - che però non devono nascondere le criticità affrontate dalle aziende in questi mesi: dopo i lunghi periodi di lockdown con l'horeca bloccata, alla ripresa ci si deve confrontare con l'aumento selvaggio dei costi logistici e delle materie prime. "Sempre più necessario - ha detto Pallini - un sostegno efficace dello Stato nella promozione sui mercati internazionali di maggior interesse". 

04BB520E 0189 4E21 8A0F 5B32196571C7

Sia per i vini che per gli spirits Denis Pantini ed Emanuele Di Faustino di Nomisma hanno rilevato l'incidenza del traino da parte delle aziende di maggiori dimensioni, che generano la gran parte del giro d'affari o del comparto: per gli spiriti l'84% del totale è generato da aziende con più di 50 milioni di fatturato; per i vini quella classe si imprese genera il 41% (in salita dal 38% del 2015), mentre il 38% deriva da aziende con fatturati tra 10 e 50 milioni.

9186D807 B45B 4016 9046 2180E0A018D9

Per quanto riguarda infine la "terza gamba" di Federvini, gli aceti, è confermata la centralità del balsamico sui mercati esteri. Il balsamico di Modena IGP nel 2020 ha registrato un fatturato al consumo estero di 846 milioni, concentrato sul mercato statunitense.

425BE63C AD09 4626 9E88 C86A2F4CE7DA

Dati interessanti anche dalle ricerche di Trade-Lab sul fuori-casa che sottolineano l'impennata di consumi nei recenti mesi estivi. Il 34% degli italiani ha consumato l'aperitivo fuori casa (era il 26% l'anno prima) ed è stato servito oltre un milione di cocktail al giorno. Lo scontrino medio aumenta del 4,75% se nella consumazione sono compresi vini o spiriti.

Qatar Duty Free acquisisce il monopolio di vendita degli alcolici

01-03-2024 | Estero

Qatar Duty Free ha annunciato l'acquisizione completa di Qatar Distribution...

Whiskey re dell’export di spirits Usa con una quota del 63%

01-03-2024 | Estero

Whiskey sul podio delle esportazioni di spirits americane, con una...

Grandi Borgogna: per acquistarli in Norvegia fino a un mese davanti al negozio in tenda

29-02-2024 | Trend

I norvegesi più appassionati di vini di Borgogna anche quest’anno...

Maxi furto di vini di pregio in Borgogna

29-02-2024 | Arte del bere

Un dipendente di una casa vinicola della Borgogna è sospettato...

Approvato il Ddl sull'imprenditoria giovanile nel settore agricolo

29-02-2024 | Normative

Il Senato ha dato il suo via libera definitivo al...

Via libera definitiva al Regolamento sulle IG: ecco tutte le novità per la Dop economy

29-02-2024 | News

Il nuovo regolamento sulle Indicazioni geografiche dell'Unione europea di vini...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.