News

Se si confrontano i dati export del 1° semestre 2021 col 1° semestre 2019, “scavallando” l’anno anomalo 2020, si registra netto vantaggio messo a segno dall’industria alimentare e dell’agroalimentare, rispetto all’export nazionale aggregato, sia in termini di dinamica export che di crescita del valore unitario esitato all’estero. Il dato emerge da nuove analisi del Centro Studi di Federalimentare che ha effettuato alcuni confronti export inediti rispetto a precedenti elaborazioni. È stato calcolato infatti il passo evolutivo delle esportazioni alimentari per comparto mettendo a confronto direttamente il 1° semestre 2021 col 1° semestre 2019: ciò ha permesso di verificare il passo di fondo più recente, al netto dei rimbalzi e delle distorsioni recate dall’anno clou della pandemia. 

I confronti sono stati effettuati in valuta e quantità, il che ha consentito di verificare anche l’evoluzione indicativa dei valori unitari registrati all’estero nell’ultimo biennio. 

A questo confronto ravvicinato ne è stato aggiunto uno analogo, effettuato a monte, sull’arco 2015-2019, al fine di verificare, sul passo lungo, le  dinamiche accumulate precedentemente. 

In grande sintesi, guardando alla tabella, il Centro Studi sottolinea il vantaggio di passo dell’export primario (+19,6%) rispetto al +13,1% dell’industria alimentare. Nell’ambito della trasformazione, i maggiori spunti biennali in valuta appartengono in ogni caso: agli oli e grassi (+27,9%), all’alcol etilico (+24,0%), all’ittico (+20,3%), al dolciario (+17,9%), al lattiero-caseario (+15,3%) e alla pasta (+13,2%).

Diversa la classifica in tema di valori unitari. Si conferma il vantaggio biennale del primario (+10,9 punti) rispetto alla trasformazione alimentare (+8,1 punti). Fenomeni involutivi a due cifre mostrano, invece, i valori unitari biennali delle acquaviti e liquori (-12,1 punti) e dell’ittico (-10,4 punti). 

Sull’arco di tempo pregresso 2015-19, la spinta espansiva in valuta dell’industria alimentare (+22,1%) schiaccia nettamente l’esiguo +0,9% del primario. Il comparto più performante risulta essere di gran lunga quello delle acquaviti e liquori (+89,5%). 

Spicca il vistoso apprezzamento unitario delle acquaviti e liquori (+133,3 punti), seguite a distanza dal lattiero-caseario (+35,6 punti), dalle acque minerali e gassose (+33,2 punti) e dallo zucchero (+28,2 punti). 

Scendono invece, con tagli a due cifre, il caffè (-23,5 punti), gli oli e grassi (-19,4 punti) e  la birra (-15,4 punti).

Accordo di libero scambio Ue-Nuova Zelanda

05-07-2022 | Estero

Quattro anni dopo l'inizio delle trattative, Il 30 giugno scorso...

Più estero nella edizione di ottobre della Milano Wine Week

05-07-2022 | Arte del bere

La Milano Wine Week annuncia le date della nuova edizione...

International Wine Tour per conoscere le strategie di accoglienza delle aziende vitivinicole straniere

05-07-2022 | Trend

Negli ultimi due anni, grazie all’Italian Wine Tour, l’iconico camper...

Il Consorzio Vini d'Abruzzo primo a ottenere la certificazione di sostenibilità integrata "SI rating"

05-07-2022 | Arte del bere

Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo - che raggruppa oltre 200 produttori...

L’Alaska cambia le regole sulle licenze alcoliche

05-07-2022 | Estero

L'Alaska cambia le regole sulle licenze alcoliche. La nuova legislazione...

L’84% delle aziende vinicole ha certificazione di sostenibilità (ma lo comunica poco)

05-07-2022 | Studi e Ricerche

 L'84% delle aziende italiane del vino presenta almeno una certificazione...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.