News

Roma, 29 novembre 2012 – Di ritorno dalla trasferta a Pechino, in cui alla presenza del Ministro Corrado Passera è stato presentato il progetto “Vini Italiani in Cina”, Lamberto Vallarino Gancia, Presidente di Federvini, ha dichiarato: “la Cina deve diventare una priorità per il settore vitivinicolo italiano: è un mercato che cresce a due cifre, e l’Italia ha tutte le carte in regola per conquistarne la leadership”.

Roma, 29 novembre 2012 – Di ritorno dalla trasferta a Pechino, in cui alla presenza del Ministro Corrado Passera è stato presentato il progetto “Vini Italiani in Cina”, Lamberto Vallarino Gancia, Presidente di Federvini, ha dichiarato: “la Cina deve diventare una priorità per il settore vitivinicolo italiano: è un mercato che cresce a due cifre, e l’Italia ha tutte le carte in regola per conquistarne la leadership”.

“Dobbiamo fare sistema e promuovere in modo coordinato tutti i nostri prodotti” ha proseguito il Presidente di Federvini. “C’è grande interesse per la cultura italiana, in particolare per la nostra straordinaria tradizione a tavola. Ci sono ottime premesse per ottenere risultati importanti”.

Nel 2011 l’Italia ha esportato in Cina vini e mosti per un valore pari a 67 milioni di euro (309mila ettolitri), con un incremento del 35% a quantità e 64% a valore, mentre gli spumanti hanno generato un valore pari a 6 milioni di euro.

"Dobbiamo lavorare affinché la Cina possa diventare uno dei principali importatori di vini italiani, entrando in quella classifica che vede gli Stati Uniti primo paese di destinazione dei nostri prodotti (+8%) a valore”.

“La crescita in USA” – ha proseguito Gancia, “è stata accompagnata da un'interessante evoluzione della domanda, che, oltre a diventare più forte, ha mostrato di essere cresciuta in termini di capacità di scelta e quindi di caratterizzazione. Sono, infatti, aumentate le vendite di vini italiani di fascia medio-alta, in particolare gli IGP. I motivi sono diversi: le nuove regole, un ridimensionamento generale della capacità di spesa, una progressiva e più diffusa educazione alla qualità.

“Il mercato statunitense – continua il Presidente di Federvini - è per altro estremamente articolato e diversificato, di enormi dimensioni e con normative che variano da Stato a Stato".

 

 

Per ulteriori informazioni:

Ufficio stampa Federvini

Elena Zaco

  

 

Barbera d'Asti e Vini del Monferrato: progetto genetico per affrontare le sfide del clima

26-01-2023 | Arte del bere

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato è da...

Assovini, riflettori su Messina e le sue Doc

26-01-2023 | Itinerari

Due mari, il Tirreno e lo Ionio, tre Doc, Faro...

Agroalimentare, in crescita Pil, investimenti e consumi

25-01-2023 | Studi e Ricerche

Cresce ancora la performance economica anche nel III trimestre 2022...

Forte crescita per il whisky indiano, aumenta la quota dei single malt

25-01-2023 | Estero

Secondo l'analisi del mercato delle bevande dell'IWSR, il whisky indiano...

In Giappone l’AI trova l’abbinamento perfetto tra sushi e sake

25-01-2023 | Trend

Uno storico produttore di sake a Fukushima, in Giappone, ha...

Alla Camera una risoluzione per contrastare la norma irlandese sulle etichette degli alcolici

25-01-2023 | News

Una risoluzione che impegna il governo ad assumere iniziative a...

© 2023 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.