News

Una nuova arma contro le contraffazioni nel mondo del vino. I ricercatori dell'Università di Adelaide hanno scoperto che una nuova tecnica basata sulla "spettroscopia di fluorescenza" potrebbe fornire un modo relativamente semplice e rapido per rilevare le frodi sul vino.

Gli esperimenti - come riporta il sito britannico Decanter - hanno dimostrato che il metodo ha un "grande potenziale" per autenticare l'origine geografica dei vini, secondo quanto riporta uno studio sulla ricerca pubblicato sulla rivista Food Chemistry.

Durante i test, i ricercatori dell'Università di Adelaide hanno affermato di essere stati in grado di identificare correttamente i vini Cabernet Sauvignon di tre diverse regioni dell'Australia e uno di Bordeaux. Il metodo ha mostrato una precisione del 100%, hanno annunciato in un comunicato stampa il mese scorso.

"Questo metodo fornisce una 'impronta digitale' dei campioni in base alla presenza di composti fluorofori o emettitori di luce", ha affermato Ruchira Ranaweera, dottoranda presso il Waite Research Institute dell'Università di Adelaide, che ha condotto la ricerca. "Quando viene utilizzato in combinazione con una solida analisi dei dati utilizzando un particolare algoritmo di apprendimento automatico, si sta dimostrando una potente tecnica per l'autenticazione."

L'obiettivo finale era identificare "marcatori chimici" specifici per diverse regioni vinicole, ha affermato il professore associato David Jeffery, leader del progetto. "Oltre a elaborare un metodo affidabile per i test di autenticità, speriamo di utilizzare le informazioni chimiche ottenute dai dati di fluorescenza per identificare le molecole che differenziano i vini dalle diverse regioni", ha affermato Jeffrey, del Waite Research Institute e del Centro di formazione ARC per la produzione di vino innovativa.

I ricercatori hanno affermato che la tecnica potrebbe avere anche altri vantaggi. "Ci sono altre utili applicazioni di questa tecnologia per l'industria del vino che sono ora disponibili o in cantiere, come l'analisi fenolica e del colore del vino", hanno affermato.

La ricerca è stata supportata da Wine Australia e dal governo australiano, dal Waite Research Institute e da partner industriali attraverso l'ARC Training Center for Innovative Wine Production.

Uno studio simile nel 2019, dell'Università di Louisville, aveva scoperto "impronte digitali" chimiche uniche nel whisky americano che potrebbero anche aiutare nella battaglia contro le contraffazioni. 

Pallini: dopo lo stop ai dazi l'export di aperitivi, liquori e amari può tornare a crescere. Ora più promozione

17-06-2021 | News

Federvini accoglie con grande soddisfazione l’accordo raggiunto dopo gli intensi...

Cantina Italia, 53,6 milioni di ettolitri di vini e mosti in giacenza al 31 maggio 2021

17-06-2021 | Studi e Ricerche

La rilevazione di maggio di Cantina Italia registra una giacenza...

Lacrima di Morro d’Alba verso la modifica del disciplinare di produzione

17-06-2021 | Normative

Nella Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana del 14 giugno 2021...

Il territorio in etichetta: al via il progetto Uga del Chianti Classico

16-06-2021 | News

I Soci del Consorzio Vino Chianti Classico approvano a larghissima maggioranza...

Vinitaly: gli appuntamenti di giugno per la ripartenza

15-06-2021 | Arte del bere

Vinitaly Special Edition è una manifestazione in presenza e in...

Sull'app di Winelivery arrivano le gite nelle cantine più iconiche di tutta Italia

15-06-2021 | Itinerari

Su richiesta della sua grande Community, Winelivery, il noto servizio...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.