News

Dai grandi produttori alla stessa Federvini, da più parti si chiede di cancellare Vinitaly 2020: troppe le incertezze, non ci sono le condizioni per organizzarsi al meglio. Come riportato dal Sole 24 Ore del 20 marzo, secondo Piero Mastroberardino, Presidente del gruppo Vini di Federvini e dell’Istituto del Vino Italiano di Qualità - Grandi Marchi e titolare dell’omonima cantina “Non ci sono le condizioni per assicurare agli espositori e ai partecipanti un evento di livello internazionale nel solco della storia di Vinitaly. Superato l’isolamento legato al contagio, sarà necessario ripartire con eventi di tipo istituzionale, che richiamino l’attenzione sul rilancio del comparto, allo scopo di superare le forti criticità in atto.  Potremo così raccogliere, anche con l’aiuto di Veronafiere, gli sforzi che il Governo e il Parlamento stanno compiendo in questi giorni per il sostegno alle filiere del Made in Italy. Va messa in atto una strategia che veda coinvolte nell’immediato le parti istituzionali e a seguire nuovamente gli operatori, una volta ristabilite condizioni commerciali e competitive sostenibili”.

Anche per Francesco Marone Cinzano, Proprietario della Tenuta Col d’Orcia, una delle dimore storiche di Montalcino “Nell’immediato, l’annuncio di una nuova data per Vinitaly è stata una mossa coraggiosa ed utile. Ora lo scenario è ben diverso e l’ipotesi di giugno oltre a non apparire semplice non è più attuale, la domanda da porsi è: siamo sicuri che pretendere di fare Vinitaly a tutti i costi nel 2020 sia la scelta giusta? Invece di cercare di portare il mondo a Verona come al solito, evento che appare impossibile, quest’anno dovremmo far arrivare i nostri vini ai quattro angoli del mondo. Un grande sforzo del “Made in Italy”, nel quale Veronafiere ancora una volta sarà in grado di esprimere le proprie capacità professionali”.

 Schermata_2020-03-20_alle_16.42.48.png

World Cocktail Day, nasce la drinklist che celebra gli ultimi 100 anni di storia del cinema

13-05-2022 | Trend

Far percorrere ai propri ospiti un viaggio mai intrapreso prima all’insegna...

Addio ad Adriano Grosoli, padre nobile del Balsamico

12-05-2022 | News

Scomparso a 93 anni Adriano Grosoli, l’unico rimasto in vita...

Brexit, il Defra conferma le norme di etichettatura delle bevande spiritose

12-05-2022 | Estero

Il 6 maggio 2022 il Dipartimento per l'ambiente, l'alimentazione e...

Nasce l’Aceto di Mela Annurca Campana

12-05-2022 | Trend

Nasce un aceto di mele di forte identità territoriale. È...

Asolo Prosecco, +33,4% nei primi quattro mesi del 2022

12-05-2022 | Arte del bere

L’Asolo Prosecco ha chiuso il primo quadrimestre 2022 con un ulteriore balzo in...

Bottiglie di spirits protagoniste ad Art City Bologna

12-05-2022 | Trend

Fino al 15 maggio, in occasione di ART CITY Bologna 2022...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.