News

Come ampiamente diffuso dai media, ieri sera il Governo ha dettato nuove norme che coinvolgono l’intero territorio della Lombardia e alcune territori provinciali di Piemonte, Emilia Romagna, Veneto e Marche; il decreto comporta anche misure di restrizione più severe a carattere nazionale. 

In allegato il testo, informando che è stato pubblicato sulla GU che reca la data di oggi.

Confindustria si è immediatamente attivata per cercare di chiarire le modalità di spostamento per i lavoratori, le merci e le imprese. 

Al momento è confermato che rientrano tra le “comprovate esigenze lavorative” tutte le attività di impresa, quindi il DPCM non determinerà il blocco delle attività produttive, delle attività lavorative, né tantomeno il blocco dei trasporti e della circolazione delle merci da e per le zone rosse.

A breve dovrebbero essere forniti chiarimenti interpretativi, nonché le linee guida ai Prefetti da parte del Ministero dell’Interno. 

Nel frattempo, oggi pomeriggio il MAECI ha diffuso queste prime informazioni:

TRANSFRONTALIERI

Le limitazioni introdotte oggi non vietano gli spostamenti per comprovati motivi di lavoro. Salvo che siano soggetti a quarantena o che siano risultati positivi al virus, i transfrontalieri potranno quindi entrare e uscire dai territori interessati per raggiungere il posto di lavoro e tornare a casa. Gli interessati potranno comprovare il motivo lavorativo dello spostamento con qualsiasi mezzo, inclusa una dichiarazione che potrà essere resa alle forze di polizia in caso di eventuali controlli.

MERCI

Le merci possono entrare ed uscire dai territori interessati. Il trasporto delle merci è considerato come un'esigenza lavorativa: il personale che conduce i mezzi di trasporto può quindi entrare e uscire dai territori interessati e spostarsi all'interno degli stessi, limitatamente alle esigenze di consegna o prelievo delle merci.

Non mancheremo di aggiornare gli Associati sulle ulteriori istruzioni che saranno rilasciate.

 

(AGGIORNAMENTO)

In attesa delle Linee Guida sulla movimentazione delle merci, in relazione all'articolo 1 del DPCM 8 marzo 2020 e alle numerose richieste giunte nelle ultime ore dalle Associazioni di categoria del settore agroalimentare al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, il Mipaaf chiarisce che i prodotti agroalimentari possono entrare e uscire dai territori interessati. L'attività degli operatori addetti al trasporto è un'esigenza lavorativa: il personale che conduce i mezzi di trasporto può entrare ed uscire dai territori interessati e spostarsi all'interno di essi, limitatamente all'esigenza di consegna o prelievo degli stessi prodotti.

 

Cantina Italia, 48,7 milioni di ettolitri in giacenza, in calo del 1,7%

01-06-2020 | Studi e Ricerche

Alla data del 28 maggio 2020 negli stabilimenti enologici italiani...

Bellanova: un tavolo interministeriale a sostegno della ristorazione

01-06-2020 | News

Un tavolo tecnico interministeriale per il settore della ristorazione. È...

Marilisa Allegrini nominata Cavaliere del Lavoro

01-06-2020 | Arte del bere

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha nominato 25 nuovi...

Nasce Crowdwine, piattaforma di raccolta fondi a supporto delle aziende vitivinicole italiane

31-05-2020 | News

CrowdWine è la prima piattaforma di crowdfunding dedicata al mondo del...

"Sommelier at home" arriva in Campania

31-05-2020 | Arte del bere

Prosegue il calendario di appuntamenti #SommelierAtHome di Aspi – Associazione Sommellerie Professionale...

Ceev scrive al Parlamento europeo: servono misure urgenti per il vino

31-05-2020 | News

Con una lettera al Commissario Wojciechowski e ai deputati del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection