News

Come noto il 14 febbraio sarà una data importante per i prodotti soggetti (e quelli a rischio di esserlo) ai dazi imposti dall’amministrazione Trump come ritorsione per gli aiuti europei a Airbus.

In quella data gli Usa potranno decidere di lasciare le cose come stanno (per quel che ci riguarda dazi al 25% su aperitivi e liquori), aumentare i dazi o la platea di prodotti colpiti, eliminare i dazi imposti il 18 ottobre scorso. Le trattative e i negoziati Ue-Usa sull’argomento procedono da mesi: anche gli importatori e i distributori americani si sono espressi in favore dell’eliminazione dei dazi. Ora si tratta di vedere cosa deciderà Trump.

In questo video il direttore di Federvini Ottavio Cagiano de Azevedo illustra quali sono le possibili alternative e cosa questo comporta per il settore vini e spiriti.

 

Finanziamenti agevolati: come presentare la domanda sul sito Sace Simest

07-08-2020 | Normative

Dal 6 agosto, è possibile presentare le domande sul portale...

Parigi aumenta a 250 milioni gli aiuti alla distillazione

07-08-2020 | News

Il primo ministro francese Jean Castex ha promesso di aumentare...

I mercati del vino post Covid: l'analisi del Comitato Nazionale Vini Dop e Igp

07-08-2020 | Studi e Ricerche

 La crisi Covid è arrivata in un contesto di appesantimento...

Raggiungendo la verde riviera picena

07-08-2020 | Itinerari

Un percorso nella provincia di Ascoli Piceno prende avvio da Montefiore dell’Aso, con...

Gourmand Awards, Il Sommelier miglior rivista italiana 2020

06-08-2020 | Arte del bere

E’ Il Sommelier la migliore rivista pubblicata in Italia, per l’anno 2020...

New York, via libera ai gelati "alcolici"

06-08-2020 | Trend

New York "sdogana" i gelati contenenti alcolici. Il 3 agosto...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection