News

Come noto il 14 febbraio sarà una data importante per i prodotti soggetti (e quelli a rischio di esserlo) ai dazi imposti dall’amministrazione Trump come ritorsione per gli aiuti europei a Airbus.

In quella data gli Usa potranno decidere di lasciare le cose come stanno (per quel che ci riguarda dazi al 25% su aperitivi e liquori), aumentare i dazi o la platea di prodotti colpiti, eliminare i dazi imposti il 18 ottobre scorso. Le trattative e i negoziati Ue-Usa sull’argomento procedono da mesi: anche gli importatori e i distributori americani si sono espressi in favore dell’eliminazione dei dazi. Ora si tratta di vedere cosa deciderà Trump.

In questo video il direttore di Federvini Ottavio Cagiano de Azevedo illustra quali sono le possibili alternative e cosa questo comporta per il settore vini e spiriti.

 

Agenzia delle Entrate, tutte le risposte al DL Cura Italia

03-04-2020 | News

Con una circolare, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato le risposte...

Le Cinque Terre in cima alla lista dei paesini più instagrammati del mondo

03-04-2020 | Itinerari

Arroccate nella Riviera Ligure non lontano da Genova, le Cinque...

Covid-19: riepilogo normativa in vigore al 1 aprile 2020

02-04-2020 | Normative

In allegato il documento di riepilogo della normativa adottata sia...

In Gazzetta la nuova disciplina sulla produzione biologica

01-04-2020 | Normative

Si informa che è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione...

Proroghe di termini e deroghe per la ristrutturazione e riconversione dei vigneti

01-04-2020 | Normative

Si informa che, con decreto n. 3318 del 31 marzo...

Confindustria: caduta del Pil al 6% - Ecco i possibili effetti del piano straordinario Ue

31-03-2020 | News

Economia italiana colpita al cuore. Uno shock imprevedibile ha colpito l’economia...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection