News

Come gli spiriti possono fare squadra nelle esportazioni e contribuire al progresso del Sistema Italia? E' il tema che si è posto il convegno tenutosi il 1 ottobre 2019 a Bruxelles in occasione della mostra Red in Italy - The Colours of Red in the Italian Design presso l'Istituto Italiano di Cultura. Promosso da Federvini e Campari Group, l'incontro ha visto la partecipazione di istituzioni e aziende, ma anche di Nomisma e Mediobanca che da anni collaborano con la Federazione e che hanno analizzato i punti di forza, le debolezze e le opportunità degli spiriti italiani nel mercato globale. Alla serata ha partecipato anche Matteo Carlo Borsani, direttore di Delegazione Confindustria presso l'Ue, che ha ampliato le riflessioni ai settori più in luce del Made in italy prendendo spunto dai diversi oggetti in mostra.

Dopo i saluti di Aldo Davoli, vicepresidente di Federvini, Emanuele Di Faustino, project manager di Nomisma Wine Monitor, ha portato il risultati dell'ultima indagine, che analizza gli scambi internazionali e il posizionamento competitivo degli alcolici italiani. Con un focus sul trend decennale e le esportazioni (tendenze, mercati e posizionamento dell'Italia nei confronti dei concorrenti) e sul consumatore italiano di amari, liquori dolci e grappa, nonché le principali evidenze dell'indagine sui consumatori.

Schermata 2019-10-02 alle 07.36.12.png

 

Schermata 2019-10-02 alle 07.36.41.png

 

Schermata 2019-10-02 alle 07.37.09.png 

 Schermata 2019-10-02 alle 07.37.20.png

 

Schermata 2019-10-02 alle 07.37.36.png

 

Schermata 2019-10-02 alle 07.37.44.png

Schermata 2019-10-02 alle 07.37.52.png

 

Gabriele Barbaresco, responsabile Area Studi di Mediobanca, ha analizzato i nuovi consumi di alcolici sia a livello mondiale sia nazionale. In particolare, i Millennial a livello globale hanno maggiori probabilità di passare da una bevanda all'altra, come vino, birra artigianale e liquori, rispetto a una categoria; comunque, i Millennial bevono meno alcol rispetto alle generazioni precedenti. Ma anche le tendenze verso i drink de-alcolizzati, etichette più accattivanti. Secondo una ricerca, il 46% degli under 35 preferisce il Mocktail rispetto al 16% degli over 35 e i Millennial prenderanno una bottiglia dallo scaffale se ha un logo grafico o un nome accattivante: la personalizzazione guiderà il cambiamento. Ma vogliono anche sapere cosa c'è nel bicchiere e preferiscono i prodotti artigianali: una grande occasione per gli spiriti e amari nostrani. Schermata 2019-10-02 alle 07.19.40.png

 

Schermata 2019-10-02 alle 07.20.08.png

 

Schermata 2019-10-02 alle 07.20.32.png

 

Schermata 2019-10-02 alle 07.20.53.png

 

 

Schermata 2019-10-02 alle 07.21.05.png

 

Schermata 2019-10-02 alle 07.21.23.png

Attrezzature e know-how nel mondo vitivinicolo: ritorna il Sitevi di Montpellier

16-09-2021 | Arte del bere

SITEVI, il Salone mondiale delle attrezzature e dei know-how per...

Prosek: Bruxelles (per ora) non blocca la richiesta croata

15-09-2021 | News

Non c'è pace per le denominazioni di origine italiane. È...

Stoccaggio privato dei vini Dop e Igt per l’anno 2021: c'è tempo fino al 24 settembre

14-09-2021 | Normative

Ricordiamo che c'è tempo fino al 24 settembre 2021 per...

Etichettatura delle bevande spiritose: da Bruxelles una più ampia definizione di allusione

14-09-2021 | Normative

È stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea il regolamento delegato UE...

Al via U-Label, la piattaforma elettronica per vini e spiriti

14-09-2021 | News

Il 30 settembre 2021 il Comité Européen des Entreprises Vins...

Il cambiamento climatico impatta sui vigneti in Spagna e Francia

14-09-2021 | Estero

Spagnoli e francesi costretti a innalzare i vigneti e anticipare...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.