News

Uno degli elementi in discussione, durante queste giornate di crisi di Governo, sono le azioni necessarie per disinnescare l’aumento dell’Iva. In assenza di interventi, infatti, dall’inizio del 2020, nella fascia più alta, l’imposta rischia di passare dal 22 al 25%. 

Nessun impatto per i beni di primi necessità, compresi gli alimentari, ma il vino, come tutti gli alcolici, sarebbe colpito. E potrebbe dover affrontare un problema rilevante, che “impatterà energicamente per diversi ordini di ragioni”, come ha spiegato al sito Winenews.it Ottavio Cagiano de Azevedo, direttore generale Federvini. 

“Innanzi tutto l’aumento dell’Iva il consumatore lo percepisce immediatamente, lo vede e lo sente: tre punti di aumento al consumatore finale possono provocare decisioni di acquisto o non acquisto. Il secondo fattore - ha continuato Cagiano - è che le bevande alcoliche devono stare sempre nella categoria di aliquota più alta, come deciso a livello comunitario nel 1992, quindi si allarga la forchetta rispetto ad altre bevande o altri prodotti che i consumatori possono considerare sostitutivi. In ogni caso, rispetto al fatto che l’Iva su alcuni prodotti si muova meno, o per nulla, questo può determinare un’ulteriore elemento di stortura. Il terzo problema è la disomogeneità interna alla filiera: i produttori agricoli hanno un’altra Iva, le cooperative un’altra ancora, per cui il produttore imprenditoriale si trova ad avere un’ulteriore forchetta rispetto al suo concorrente”. 

“Tutto ciò - ha concluso Cagiano - ha diverse implicazioni. Il consumatore percepisce subito l’aumento, in secondo luogo le aziende devono versare l’Iva subito e recuperarla a 60 giorni, mentre sul costo per il settore è difficile fare calcoli al momento, ma ci sono elementi concreti realmente impattanti, con le imprese che realisticamente pagheranno il conto più alto”.

Qatar Duty Free acquisisce il monopolio di vendita degli alcolici

01-03-2024 | Estero

Qatar Duty Free ha annunciato l'acquisizione completa di Qatar Distribution...

Whiskey re dell’export di spirits Usa con una quota del 63%

01-03-2024 | Estero

Whiskey sul podio delle esportazioni di spirits americane, con una...

Grandi Borgogna: per acquistarli in Norvegia fino a un mese davanti al negozio in tenda

29-02-2024 | Trend

I norvegesi più appassionati di vini di Borgogna anche quest’anno...

Maxi furto di vini di pregio in Borgogna

29-02-2024 | Arte del bere

Un dipendente di una casa vinicola della Borgogna è sospettato...

Approvato il Ddl sull'imprenditoria giovanile nel settore agricolo

29-02-2024 | Normative

Il Senato ha dato il suo via libera definitivo al...

Via libera definitiva al Regolamento sulle IG: ecco tutte le novità per la Dop economy

29-02-2024 | News

Il nuovo regolamento sulle Indicazioni geografiche dell'Unione europea di vini...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.