News

Uno degli elementi in discussione, durante queste giornate di crisi di Governo, sono le azioni necessarie per disinnescare l’aumento dell’Iva. In assenza di interventi, infatti, dall’inizio del 2020, nella fascia più alta, l’imposta rischia di passare dal 22 al 25%. 

Nessun impatto per i beni di primi necessità, compresi gli alimentari, ma il vino, come tutti gli alcolici, sarebbe colpito. E potrebbe dover affrontare un problema rilevante, che “impatterà energicamente per diversi ordini di ragioni”, come ha spiegato al sito Winenews.it Ottavio Cagiano de Azevedo, direttore generale Federvini. 

“Innanzi tutto l’aumento dell’Iva il consumatore lo percepisce immediatamente, lo vede e lo sente: tre punti di aumento al consumatore finale possono provocare decisioni di acquisto o non acquisto. Il secondo fattore - ha continuato Cagiano - è che le bevande alcoliche devono stare sempre nella categoria di aliquota più alta, come deciso a livello comunitario nel 1992, quindi si allarga la forchetta rispetto ad altre bevande o altri prodotti che i consumatori possono considerare sostitutivi. In ogni caso, rispetto al fatto che l’Iva su alcuni prodotti si muova meno, o per nulla, questo può determinare un’ulteriore elemento di stortura. Il terzo problema è la disomogeneità interna alla filiera: i produttori agricoli hanno un’altra Iva, le cooperative un’altra ancora, per cui il produttore imprenditoriale si trova ad avere un’ulteriore forchetta rispetto al suo concorrente”. 

“Tutto ciò - ha concluso Cagiano - ha diverse implicazioni. Il consumatore percepisce subito l’aumento, in secondo luogo le aziende devono versare l’Iva subito e recuperarla a 60 giorni, mentre sul costo per il settore è difficile fare calcoli al momento, ma ci sono elementi concreti realmente impattanti, con le imprese che realisticamente pagheranno il conto più alto”.

Ismea, consumi alimentari in ripresa nel 2019

20-09-2019 | Studi e Ricerche

Dopo un 2018 chiuso con un deciso rallentamento del trend...

Federvini: più competitività all'Italia con il nuovo corso del Ministero degli Esteri

20-09-2019 | News

Un Ministero degli Esteri non solo fulcro della diplomazia italiana...

Ciclismo a impatto zero nel Chianti Classico

20-09-2019 | Itinerari

Una giornata dedicata agli amanti del ciclismo e del buon...

TuDrink: arriva l’app per bere bene nei migliori bar ed enoteche in Italia e all'estero

19-09-2019 | News

Bere bene nei locali più esclusivi, condividendo un drink con...

In Lombardia i migliori bar d'Italia secondo Gambero Rosso

19-09-2019 | News

Anche quest’anno la Lombardia si conferma al vertice con 9 locali premiati, seguono...

È ancora di Air France la migliore lista vini in alta quota

19-09-2019 | Arte del bere

Alla cerimonia dei World’s Best Wine Lists Awards 2019, ad Air France è...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection