News

Qualità, autenticità, sicurezza, tracciabilità ed etichettatura garantite: questi i valori con cui l’Aceto Balsamico di Modena IGP ha conquistato l’America. L’oro nero di Modena è infatti sempre più spesso protagonista di attività promozionali oltreoceano, grazie al progetto - finanziato dall’Unione Europea - “Balsamic Vinegar of Modena, The Original”, partito già due anni orsono, con la finalità di promuovere il valore aggiunto del prodotto e migliorare la competitività dell'Aceto Balsamico negli Stati Uniti.

E quale modo migliore se non coinvolgendo in questa campagna di valorizzazione la ristorazione d’eccellenza del Paese, i migliori chef degli Stati Uniti che si impegnano a reinterpretare il prezioso condimento in piatti che non solo ne possano esaltare le caratteristiche, ma che siano in grado altresì di evocare in ogni goccia quella storia millenaria che esso racchiude e il territorio modenese, dove tutto ha origine. Così come il mondo dei top foodblogger, scrupolosamente selezionati tra i migliori di tutti gli Stati Uniti per veicolare un messaggio forse meno istituzionale ma capace di raggiungere uno share di consumatori ben più ampio.

L’ultimo appuntamento promozionale che ha visto l’Aceto Balsamico di Modena IGP protagonista sulla scena gastronomica americana è stata la partecipazione dal 19 al 24 febbraio a Miami in Florida, alla 18° edizione del Food Network & Cooking Channel South Beach Wine & Food Festival, uno dei più importanti eventi statunitensi per il settore durante il quale l’attenzione è concentrata sui talenti di produttori di vino e distillati più rinomati al mondo, importanti chef e personalità culinarie.

In particolare, l’oro nero di Modena si è reso protagonista del Barilla’s Italian Bites on the Beach – dove oltre 30 dei più grandi chef americani hanno preparato piatti ispirati alle varie regioni d’Italia – con interessanti reinterpretazioni nel piatto compiute dai più famosi chef della Florida e son solo; e degli eventi del Grand Tasting Village di Goya Foods, evento di punta del festival con degustazioni di libagioni e vini nonché esclusiva occasione per conoscere nuove tendenze e prodotti nel settore delle bevande.

"La presenza del Consorzio a SOBEWFF - ha dichiarato il direttore Federico Desimoni – è un ulteriore tassello del progetto“Balsamic Vinegar of Modena, The Original” che sta avendo un importante successo nella realtà statunitense. Per il nostro prodotto, esportato per una quota superiore al 90% della produzione in oltre 120 Paesi di tutto il mondo, una vetrina così prestigiosa rappresenta una occasione importante di visibilità e soprattutto ci permette di testare come e quanto la nostra campagna promozionale negli Stati Uniti per aumentare il livello di riconoscimento delle produzioni a Indicazione Geografica Europea, abbia effetto sui consumatori d’Oltreoceano”.

Quella con il SOBEWFF non è stata tuttavia l’unica esperienza di alto livello che ha visto coinvolto il Consorzio di Tutela dell’Aceto Balsamico di Modena IGP durante la missione in USA: una importante novità si è delineata infatti in campo formativo, con la partnership con l’Institute of Culinary Education (ICE), uno degli istituti culinari più grandi e diversificati al mondo con oltre 14.000 alunni formati negli anni e divenuti poi leader nei settori della ristorazione e dell’ospitalità. La partnership con l’ICE stabilisce che, al fine di cogliere tutte le proprietà sorprendenti e diverse dell'Aceto Balsamico di Modena, gli chef dell'Istituto incorporino l'oro nero nella ricerca e nello sviluppo di ricette e prevede altresì l’assegnazione a tre studenti di detto Istituto, di una borsa di studio e l'opportunità di recarsi a Modena, in Italia, per scoprire questa destinazione culinaria unica nonché luogo di nascita dell'Aceto Balsamico di Modena IGP. Un viaggio studio che per loro significa immergersi in una realtà territoriale che rappresenta per valore e per numero di denominazioni un primato a livello nazionale, una Food Valley che si distingue in un Paese già considerato al primo posto nel mondo per numero di denominazioni riconosciute ma anche per qualità e quantità di offerta di turismo enogastronomico. La suddetta partnership sarà ufficialmente presentata a New York, nella sede dell’ICE, unitamente alle distinte caratteristiche dell'Aceto Balsamico di Modena e alla sua versatilità in cucina, nonché sarà un’occasione per insegnare loro come riconoscere il prodotto autentico e certificato.

“Viaggio nell'Italia del vino", un libro sui nuovi trend dell’enoturismo

01-07-2022 | Trend

Scritto dal senatore Dario Stefàno e da Donatella Cinelli Colombini...

Usa: nello Stato di Washington misure contro la siccità nei vigneti

01-07-2022 | Estero

I coltivatori dello Stato di Washington hanno adottato misure per...

Oiv: record assoluto di esportazioni di vino nel 2021

01-07-2022 | News

Le esportazioni di vino hanno raggiunto un record assoluto nel...

Il nuovo Protocollo anti-Covid sui luoghi di lavoro

01-07-2022 | News

Ministero del Lavoro, ministero della Salute, MISE, INAIL e parti...

Affinamento sottomarino per i vini dell’Etna: il progetto con l’Università

01-07-2022 | Arte del bere

Per la prima volta nella storia dell'enologia etnea, i vini...

Nutri-Score: la difesa - non convincente - dello studioso francese che lo ha ideato

30-06-2022 | News

"Il Nutri-Score è basato su dati scientifici e non penalizza...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.