News

Lo scorso 13 dicembre, durante una riunione speciale del Consiglio europeo, è stata concordata la bozza di testo relativa all’accordo di recesso del Regno Unito dall’Unione europea dove è previsto, fra l’altro, un periodo di transizione fino al 31 dicembre 2020.

Questa ipotesi di accordo avrebbe dovuto essere ratificata dal Parlamento inglese, ma già nelle settimane precedenti era emersa chiaramente la debolezza di consensi, tanto da rinviare il voto nei giorni successivi; pertanto il Governo inglese ha pubblicato una nota ufficiale nella quale si fa riferimento al “no deal scenario”.

Alla luce di ciò, la Commissione europea ha reso nota una comunicazione relativa al piano di azione da intraprendere, nel caso in cui non si riuscisse a convergere sull’accordo di recesso: sono state adottate 14 misure, tra proposte legislative e atti delegati, temporanee e unilaterali e riguardano soltanto alcuni settori specifici, come i cittadini, il trasporto aereo e gli aspetti doganali.

Occorre però sottolineare che diverse misure, previste nella comunicazione della Commissione europea, sono una prerogativa degli Stati membri: quelle più significative riguardano lo scambio di merci dall’Unione europea al Regno Unito e viceversa ed il trasporto su strada.

Al momento potremmo immaginare due scenari:

  • •             Nel caso del “no deal” non ci sarà alcun periodo di transizione e dunque, a partire dal 30 marzo 2019, il Regno Unito sarà un paese terzo a tutti gli effetti.
  • •             Nel caso di ratifica dell’accordo di recesso, al termine del periodo transitorio, rimane al momento incerto l’assetto successivo.

Queste le date rilevanti:

  • •             15 gennaio 2019 – voto nel Parlamento inglese sull’accordo di recesso
  • •             17 gennaio 2019 – sessione speciale del Trade Contact Group della Commissione europea dedicato ad esaminare la Brexit
  • •             15 febbraio 2019 – termine entro il quale la Commissione europea deve emanare gli atti delegati previsti nel piano di azione.
Export vs Regno Unito Valori (milioni di euro)

Quantità (.000 hl .000 - hl alcool puro per acquaviti e liquori)

Gen. - Sett. 2018  Var %  Gen. - Sett. 2018  Var % 
Acquaviti di vino e di vinaccia 0,27 -52,60 0,10 -91,83
Acquaviti di cereali, zucchero, frutta e altro 12,70 138,84 21,82 156,36
Liquori 26,79 -6,61 12,05 -10,71
 Industria delle acquaviti e liquori  63,89  22,02 46,35 22,07 
 Aceti  9,69  -0,77 42,87 -17,23 
Spumanti 275,37 3,19 737,15 -4,11
Vini DOP 126,25 6,19 452,57 10,24
Vini IGP 109,60 -18,14 577,47 -26,42
Altri Vini 29,39 19,47 181,78 6,46
Vini aromatizzati 4,17 3,26 32,35 1,67
Vini liquorosi 2,28 2,41 2,32 -22,19
 Vini e mosti  564,48 -0,04  2.025,99  -8,98 

Elaborazioni Federvini su dati ISTAT

Alla scoperta dei sapori di Trapani: un viaggio enogastronomico dal mare alla valle del Belice

13-06-2024 | Itinerari

Un viaggio enogastronomico nella provincia di Trapani è un'esperienza che...

Masaf: deroga al 3% per la ristrutturazione dei vigneti nelle aree colpite da peronospora

13-06-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Vent’anni di export: la corsa di vino e spirits sui mercati internazionali

12-06-2024 | News

Negli ultimi anni, il panorama mondiale dell'export di vino e...

In dono ai Capi di Stato del G7 l’Atlante del patrimonio agroalimentare italiano

12-06-2024 | News

In occasione del prossimo G7, il governo italiano ha deciso...

Usa, indagine sulle sovvenzioni cinesi ai produttori di bottiglie

12-06-2024 | Estero

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha stabilito in...

No Binge: premiato il progetto dell’Università di Verona

11-06-2024 | News

Ancora un successo per “No Binge – Comunicare il consumo responsabile”, il...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.