News

Il primo è Gaja, al 26mo posto. Salito di trenta posizioni rispetto al 2017. Seguito da Sassiccaia al 29° posto. Sono gli unici due vini italiani presenti nella classifica dei Top 50 stilata da Liv-Ex, il sito britannico che segue le quotazioni mondiali delle grandi etichette.

La lista di quest’anno vede un arretramento dalle prime posizioni dei Bordeaux a favore della Borgogna, degli Champagne e dei vini italiani e americani.

Nella seconda lista, quella dal 51° al 100° posto sono otto gli italiani segnalati: Ornellaia, Bruno Giacosa, Tignanello, Masseto, Solaia, Produttori Barbaresco, Luciano Sandrone e Tua Rita. Toscana e Piemonte sugli scudi.

Liv-Ex segnala chili mercato del “fine wine” si è allargato: quest’anno il numero dei vini trattati è salito da 4mila a 5700 e i marchi considerati sono passati da 220 a 248. Nel complesso - commenta il sito britannico - la Borgogna continua ad essere la “star of the show” con la presenza di 29 marchi, cinque in più dello scorso anno. E 14 di questi sono nella lista dei primi 20: un primato innegabile.

La palma d’oro quest’anno spetta a Domaine e Maison Leroy, di cui si era peraltro ventilata una cessione al colosso del lusso LVMH.

Delusione invece per i Bordeaux che nella lista dei Top 100 vedono solo 45 marchi rispetto ai 53 del 2017.

Liv-Ex usa quattro criteri per determinare la posizione nella lista dei powerful wines: la performance dei prezzi anno su anno; il valore e i volumi trattati sulla piattaforma Liv-Ex; il numero dei diversi vini e delle annate trattate; il prezzo medio. Che, ad esempio nel caso di Gaja era pari a 932 sterline.

Nella Top 100 ci sono stati 22 nuovi ingressi quest’anno. Quattro di questi italiani, tre piemontesi e un toscano. L’ingresso più clamoroso è proprio Leroy, assurto al vertice (anche grazie al fatto che quest’anno sono stati unificati nel giudizio Domaines e Maisons). Tra i newcomers anche due Champagne, Pol Roger e Perrier Jouet (il primo ha beneficiato della ottima performance della sua cuvée più prestigiosa dedicata a Sir Winston Churchill).

Grandissimo salto in avanti per Bruno Giacosa, salito dal 132° al 56° posto, con un aumento medio dei prezzi del 17%. Produttori Barbaresco sono saliti quasi del 31% mentre Luciano Sandrone, al 95° posto ha avuto un incremento del 18%.

Oiv: la Cina primo produttore di uva anche nel 2018

17-07-2019 | Studi e Ricerche

La Cina, nonostante un calo dell'11% nel 2018, è il...

Premio Masi: ecco i vincitori dell'edizione 2019

16-07-2019 | News

Cinque interpreti di una forte identità culturale e delle virtù...

Il deputato popolare tedesco Norbert Lins è il nuovo presidente di Comagri

16-07-2019 | News

I deputati della commissione per l'agricoltura del Parlamento europeo (Comagri)...

Accordo di libero scambio tra Ue e Giappone: presto una procedura semplificata per vino e spiriti

15-07-2019 | Normative

L’Accordo di libero scambio tra l’Unione europea ed il Giappone...

Onav e Università di Torino: arriva la prima Scuola Universitaria per Maestri Assaggiatori di Vino

15-07-2019 | News

Ci sono voluti anni di lavoro e confronto di alcune...

Cracovia Capitale europea della Cultura gastronomica 2019

15-07-2019 | Trend

Cracovia è la Capitale Europea della Cultura Gastronomica 2019. Il riconoscimento...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection