News

“Vorrei rassicurare gli agricoltori italiani ed europei: la bozza di accordo sul 'divorzio' tra l'Ue e il governo britannico conserva lo status quo negli scambi agroalimentari tra le due sponde della Manica, salvaguardando il riconoscimento delle indicazioni geografiche”. Lo ha affermato Paolo De Castro, primo vicepresidente della Commissione agricoltura del Parlamento europeo partecipando al forum ''Agriculture & Food Summit 2018'' organizzato da Politico a Parigi. "Se il Parlamento di Westminster validerà la bozza di intesa - ha precisato De Castro - Londra non avrà più voce in capitolo nelle decisioni delle istituzioni europee ma continuerà a far parte del mercato interno all'Ue come avviene oggi. Posizione che manterrà fino al 2020 con la possibilità di estenderla ad una data da definire. In questa situazione Londra non potrebbe concludere accordi commerciali bilaterali”.

“La prospettiva di uno scenario di 'no-deal', rischierebbe di essere catastrofica per tutti - prosegue l'eurodeputato -  non dimentichiamoci che il Regno Unito è il mercato unico agricolo e alimentare più integrato in Europa, con il 56% delle esportazioni agroalimentari britanniche che arrivano nell'Unione, mentre l'Ue realizza con il Regno Unito il 7% di tutte le sue esportazioni”. Per De Castro: "l'altra grande incognita che attende la filiera agroalimentare è la decisione sul bilancio Ue 2020 -2027, dove si tenta di far pagare all'agricoltura il 'divorzio' con Londra".  La scorsa settimana il Parlamento europeo in plenaria ha chiesto agli Stati membri un piccolissimo aumento dei contributi al budget europeo per azzerare le proposte di tagli alla Pac e alla politica di coesione.  "L'auspicio - ha concluso De Castro - è di essere ascoltati. Ne va del benessere economico, sociale e ambientale dei cittadini europei".

 

Una borsa di studio per sostenere un aspirante Master of Wine italiano

23-04-2019 | Arte del bere

Dei 384 operativi in giro per il mondo non uno...

Contromossa Ue sui dazi Usa: nell'elenco (non definitivo) vini, distillati, rum e vodka

23-04-2019 | News

La Commissione europea ha reagito ai nuovi dazi imposti dall’amministrazione...

Una nuova distilleria a Nashville per Heaven’s Door, il whiskey di Bob Dylan

19-04-2019 | Estero

Heaven’s Door, il marchio di whiskey di Bob Dylan, aprirà...

Il rosé in lattina piace al venture capital Usa: 7 milioni alla startup Bev

17-04-2019 | Trend

Founders Fund, società di venture capital di San Francisco ...

La tequila scala il mercato Usa (e con il mezcal sfida il rum)

17-04-2019 | Estero

Gli Stati Uniti si confermano il maggior mercato al mondo...

Nasce il vino di Leonardo, ispirato alle linee guida del grande genio

17-04-2019 | Trend

Rinasce oggi il 'vino di Leonardo', realizzato secondo le indicazioni...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.