Itinerari

Federvini consiglia i posti da visitare e gli itinerari da seguire per apprezzare ogni sfumatura dello stile di vita mediterraneo.

Nonostante l'anno più disastroso per i viaggi da generazioni, la maggior parte delle aziende vinicole del mondo ritiene che l'enoturismo si riprenderà, ma non prima del 2022. Inoltre, circa l'80% delle cantine ritiene che il turismo del vino nella propria regione aumenterà nei prossimi 10 anni, secondo un sondaggio internazionale di Winetourism.com.

Più della metà delle aziende vinicole ha riferito di aver perso il 50% o più del proprio reddito da turismo enologico. Ma alcuni paesi hanno fatto meglio di altri.

Il punto più luminoso è stato l'Australia, probabilmente perché una buona risposta della società ha mantenuto bassi i tassi di infezione nelle regioni vinicole. Più del 20% delle aziende vinicole australiane ha effettivamente registrato un aumento del reddito del turismo del vino nel 2020. Anche la Germania ha fatto meglio di altri paesi, con l'11% delle aziende vinicole che hanno segnalato un aumento del reddito del turismo del vino.

La grande maggioranza delle aziende vinicole - l'89% - pensa che l'enoturismo tornerà alla normalità entro il 2022. Ma un sottoinsieme di queste, il 31%, è più ottimista: il 41% delle aziende vinicole francesi pensa che l'enoturismo tornerà alla normalità entro il 2021. Oltre il 30% delle aziende vinicole anche in Australia e Spagna crede che il turismo del vino tornerà alla normalità nel 2021.

L'80% delle aziende vinicole del mondo ritiene comunque che il turismo del vino aumenterà nella propria regione nei prossimi 10 anni. Il paese più ottimista è la Germania, dove l'89% delle aziende vinicole prevede un tale aumento.

Quando è stato chiesto quale fosse la loro fonte più importante di reddito per l'enoturismo, il 56% delle aziende vinicole ha affermato di vendere vini in cantina, mentre il 37% guadagna di più dalle degustazioni, dai costi dei tour e da altre esperienze come i corsi di cucina. Circa l'8% delle aziende vinicole ricava la maggior parte del proprio reddito dal turismo affittando la struttura per matrimoni o feste private.

Alla domanda su chi sia il cliente tipo, il 57% ha risposto assaggiatori di vino occasionali, mentre il 15% ha risposto degustatori di vino sofisticati. Esiste un rapporto 4:1 nelle sale di degustazione tra le due tipologie di visitatori? Dati del genere sarebbero utili in future indagini, poiché il 32% delle cantine prevede di aumentare i propri investimenti nel turismo del vino nei prossimi anni. 

 

Il Mipaaf ribadisce la tutela dell’Aceto balsamico DOP e Igp: le azioni messe in campo a Bruxelles

26-10-2021 | News

Il Ministero delle Politiche agricole ha risposto alla Camera all’interrogazione...

Vertice sul clima COP26: limited edition di whisky “verde” per sensibilizzare verso la sostenibilità

26-10-2021 | Arte del bere

Una edizione limitata di whisky scozzese blend è stata appositamente...

Francia, al via uno studio sull'esposizione ai pesticidi nelle aree viticole

26-10-2021 | Studi e Ricerche

Le agenzie francesi per l'alimentazione e la salute pubblica, Anses...

Russia, restrizioni alla vendita e alte accise fanno impennare gli acquisti illegali di alcolici

26-10-2021 | Trend

Il primo vice capo della commissione bilancio della camera alta...

Accordo Londra-Aukland: eliminati i dazi sul vino neozelandese

26-10-2021 | Estero

Nuova Zelanda e UK hanno raggiunto un accordo di principio...

Valoritalia, da giugno 2020 +13% di imbottigliato in un anno

26-10-2021 | Studi e Ricerche

Quasi 2 miliardi le bottiglie di vino certificate da Valoritalia...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.