Dall'estero

Il potenziale delle esportazioni in India è sempre un buon argomento per un vivace dibattito. Spesso citato come un importante mercato emergente per il vino, l'immensa e in evoluzione popolazione di consumatori dell'India presenta una serie di opportunità, e altrettante sfide.

A livello macro, l'India è ampiamente riconosciuta come una potenza economica globale, con un profilo demografico ed educativo che la rafforzerà ulteriormente nel XXI secolo. Con 1,3 miliardi di persone, è il secondo paese più popoloso e ha la popolazione di giovani più grande del mondo, con oltre 800 milioni di persone di età inferiore ai 35 anni: un'immensa opportunità di crescita per tutti i prodotti di consumo. Secondo le previsioni di Morgan Stanley, nel 2018 il PIL indiano dovrebbe crescere del 6,7% e di un ulteriore 7,5% nel 2019, superando addirittura la Cina.

Il vino in più rapida ascesa

Le vendite di alcolici sono in aumento nell'India moderna. Le bevande tradizionali come il whisky, il rum e la birra continuano a dominare il consumo di alcol nel paese. Tuttavia, la crescente disponibilità di vino prodotto e importato nell'ultimo decennio ha generato un significativo interesse dei consumatori per questo prodotto, provocando un cambiamento nelle scelte di consumo delle persone. L'urbanizzazione rapida, il cambiamento degli stili di vita, l'aumento dei redditi disponibili e la più grande popolazione giovanile del mondo hanno ulteriormente contribuito alla popolarità del vino in India, in particolare tra i consumatori urbani della classe medio-alta. Tra il 2010 e il 2017, l'industria vinicola indiana ha registrato un tasso di crescita annuo composto a due cifre di oltre il 14%, rendendo il vino la bevanda alcolica a più rapida crescita in India.

485 milioni di persone hanno l'età legale per bere

Nel Paese, inoltre, 485 milioni di persone hanno l'età legale per bere (oltre 25 anni). Le statistiche variano su quante persone bevono vino, ma secondo un'indagine di Wine Intelligence i consumatori sarebbero in gran parte tra i 30 milioni di consumatori a reddito più alto, con un consumo nazionale pro capite molto basso, un po' simile alla situazione della Cina di 15 anni fa .

La maggior parte del consumo di vino in India è nei centri urbani. Il più importante tra questi è Mumbai, che rappresenta il 32% del consumo totale di vino in India, seguito da Delhi NCR e il suo sobborgo tecnologico Gurugram al 25%; Bangalore al 20%; e in arrivo Pune e Hyderabad rispettivamente al 5% e al 3%. Le fonti commerciali confermano ulteriormente che questi centri rappresentano la stragrande maggioranza del consumo totale di vino del paese.

 

Confindustria, produzione industriale negativa (-2,3%) in novembre

01-12-2020 | Studi e Ricerche

La produzione industriale italiana, dopo il recupero rilevato in ottobre...

In Gazzetta il Ristori quater con la proroga dell'Irap

01-12-2020 | News

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale - e dunque già in vigore...

Spiriti: momento cruciale per riduzione accise e cancellazione del contrassegno

01-12-2020 | News

Il Governo ed il Parlamento hanno la possibilità di testimoniare...

Il Prosecco Docg di Valdobbiadene fa rete con un portale unico di e-commerce

01-12-2020 | Arte del bere

Il Prosecco Docg a Valdobbiadene fa rete e va in...

La nuova Spa? È al vin brulé

30-11-2020 | Trend

Un bel bagno nel vin brulé, che c'è di meglio...

Chianti Classico: firmato protocollo d'intesa con il Consolato Usa sulla wine education

30-11-2020 | Arte del bere

Il Consorzio Vino Chianti Classico è uno degli interlocutori coinvolti...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.