Dall'estero

La torrida estate tunisina ha colpito l'industria vinicola locale, danneggiando o distruggendo le uve e facendo temere agli agricoltori e ai viticoltori per il loro futuro, dal momento che il cambiamento climatico determina un clima più caldo e secco in Nord Africa.

Le stime sulla diminuzione della produzione di vino variano, da un calo di circa il 20% secondo Kilani Belhaj del Ministero dell'Agricoltura, a una riduzione del 40-50% secondo il responsabile del Sindacato dei Produttori di Vigneti Salim Chaouch.

Il cambiamento climatico ha avuto un impatto sia sulla quantità che sulla qualità della produzione, con un ampio effetto sul settore. Gli agricoltori hanno dovuto ritardare la raccolta per raggiungere livelli accettabili di zucchero nelle uve, ma ciò influirà inevitabilmente sulla qualità.

Maggiori informazioni: Tunisian heatwave hits wine output | Reuters

Pubblicato regolamento su indicazioni geografiche

23-04-2024 | Normative

Sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 23 aprile 2024 è...

All’Accademia dei Georgifili si celebra il centenario di Oiv

23-04-2024 | Arte del bere

Festa a Firenze per i 100 di vita dell'Organizzazione internazionale...

Il labirinto della vite: un viaggio sensoriale nell'enologia e nell'arte

23-04-2024 | Arte del bere

Nel cuore dei comuni di Bassiano, Sezze e Sermoneta, la...

Aumento delle accise sul vino in Russia: come influirà sui prezzi al consumo?

23-04-2024 | Estero

L'aumento delle accise sui prodotti vinicoli in Russia non dovrebbe...

Sughero vs vite: un dibattito sulla sostenibilità delle chiusure nel mondo del vino

23-04-2024 | Studi e Ricerche

L'uso dei sugheri rispetto alle chiusure a vite nel mondo...

Please publish modules in offcanvas position.