Dall'estero

Secondo quanto riferito, i colloqui sull'accordo di libero scambio tra India e Regno Unito sono incappati in disaccordi tra i produttori di whisky indiano e whisky scozzese.

Il Regno Unito, infatti, sta chiedendo una riduzione dei dazi all'importazione sullo scotch dal 150% al 75%, scendendo poi al 30% in tre anni, nonché il fatto che i prodotti siano invecchiati almeno tre anni per essere classificati come whisky.

Invece, i produttori indiani chiedono una riduzione di tali dazi all'importazione a solo il 50% in dieci anni.

 

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Ratifica dell’accordo Ue-Canada: i benefici per vini e spiriti italiani

20-02-2024 | News

Si è svolta  l’Audizione informale di Federvini sulla Ratifica ed esecuzione...

Please publish modules in offcanvas position.