Dall'estero

Le sfide del cambiamento climatico impattano sui vigneti di tutto il mondo. E ogni Paese cerca una ricetta per fronteggiarle. In un lungo articolo il Guardian riporta quanto si sta facendo in Spagna e California.

Negli anni '80 - riporta il quotidiano britannico - cominciarono a comparire in tutta la Catalogna annunci sui giornali locali rivolti ai viticoltori. "Se sapete dove trovare qualche varietà di uva non comune, contattatemi", si leggeva.

Decine di suggerimenti arrivarono, guidando Miguel A. Torres nella ricerca di uve da vino da tempo dimenticate. Ma solo un decennio più tardi, quando la crisi climatica ha iniziato a distruggere le viti, il viticoltore di quarta generazione ha capito che la sua incursione nel passato avrebbe potuto svolgere un ruolo chiave nell'affrontare ciò che ci aspetta.

"Volevo semplicemente recuperare l'eredità - le antiche tradizioni e i vitigni - lasciataci dai nostri antenati", ha detto Torres, presidente della cantina Familia Torres. "E poi ci siamo resi conto che alcune di queste varietà hanno tempi di maturazione più lunghi, il che significa che potrebbero aiutarci in un mondo che si sta riscaldando".

È stato un barlume di speranza mentre l'industria vinicola è alle prese con tempo estremo, siccità e temperature in costante aumentoi. In Spagna, l'aumento delle temperature ha comportato una maturazione più rapida dell'uva, facendo sì che i viticoltori si affrettassero a vendemmiare nella speranza di proteggere l'equilibrio tra gli zuccheri e l'acidità del frutto.

"Il cambiamento climatico è la peggiore minaccia che il settore abbia mai affrontato", ha dichiarato Torres. "Nel XIX secolo c'è stata la fillossera che ha spazzato via i vigneti in tutta Europa. Questa è molto peggio". Mentre i viticoltori spagnoli e di tutto il mondo si affannano per far fronte alla situazione, guardano sempre più al passato, resuscitando varietà a maturazione tardiva e resistenti al calore che avrebbero potuto evitare di spiantare decenni prima.

In California, i viticoltori stanno abbracciando uve come il mourtaou, una varietà quasi estinta della Francia sud-occidentale, mentre alcuni nella regione francese del Cognac stanno rovesciando più di un secolo di tradizione per sperimentare uve resistenti al clima. A Bordeaux, le preoccupazioni per la crisi climatica hanno recentemente contribuito all'approvazione di sei nuove varietà di uva, tra cui il castet, una varietà resistente alle malattie che era stata sull'orlo della scomparsa.

Le ragioni per cui queste uve sono cadute in disuso variano molto, ha spiegato José Miguel Martínez Zapater, direttore dell'Istituto di Scienze della Vite e del Vino di La Rioja. Alcune furono abbandonate alla fine del XIX secolo, quando la fillossera costrinse i viticoltori europei a inseguire l'efficienza, mentre altre furono scartate quando i viticoltori cercarono di conformarsi a denominazioni rigorosamente definite o alle preferenze dei consumatori per determinate uve. L'istituto di Martínez Zapater, finanziato con fondi pubblici, è uno dei tanti in tutta la Spagna che hanno scrutato nel passato per rafforzare la diversità delle uve da vino - un processo lungo anni che comporta l'identificazione delle varietà, la verifica delle loro caratteristiche e la ricerca di un'approvazione ufficiale per il loro utilizzo.

I loro sforzi hanno contribuito a incrementare il numero di varietà registrate a livello commerciale in Spagna del 50% negli ultimi due decenni, ha dichiarato Martínez Zapater. "In altre parole, le persone stanno trovando varietà in diverse aree che considerano interessanti".

In Spagna - patria di un'industria vinicola da 5 miliardi di euro l'anno - la posta in gioco è alta. L'anno scorso il Paese ha vissuto l'anno più caldo da quando sono iniziate le registrazioni; dal 2015 il Paese ha attraversato quattro degli anni più caldi mai registrati.

Presso l'Istituto Agrario Tecnologico di Castilla y Leon due decenni di ricerca hanno portato al recupero di più di una dozzina di varietà di uve. L'elenco comprende l'estaladiña, un'uva la cui ultima menzione risale al 1914, e la cenicienta, un'uva prossima all'estinzione prima di essere riportata in vita per produrre rossi fruttati.

Qatar Duty Free acquisisce il monopolio di vendita degli alcolici

01-03-2024 | Estero

Qatar Duty Free ha annunciato l'acquisizione completa di Qatar Distribution...

Whiskey re dell’export di spirits Usa con una quota del 63%

01-03-2024 | Estero

Whiskey sul podio delle esportazioni di spirits americane, con una...

Grandi Borgogna: per acquistarli in Norvegia fino a un mese davanti al negozio in tenda

29-02-2024 | Trend

I norvegesi più appassionati di vini di Borgogna anche quest’anno...

Maxi furto di vini di pregio in Borgogna

29-02-2024 | Arte del bere

Un dipendente di una casa vinicola della Borgogna è sospettato...

Approvato il Ddl sull'imprenditoria giovanile nel settore agricolo

29-02-2024 | Normative

Il Senato ha dato il suo via libera definitivo al...

Via libera definitiva al Regolamento sulle IG: ecco tutte le novità per la Dop economy

29-02-2024 | News

Il nuovo regolamento sulle Indicazioni geografiche dell'Unione europea di vini...

Please publish modules in offcanvas position.