Dall'estero

L'organismo di regolamentazione per la produzione di Cava in Spagna ha lanciato una nuova campagna internazionale per migliorare la reputazione dello spumante spagnolo presso i consumatori di tutto il mondo. “La nostra sfida principale è portare il Cava sotto i riflettori come uno spumante versatile e di qualità. Non solo bolle", ha detto Javier Pagés, presidente del Consejo Regulador Cava.

L'annuncio della campagna rientra nel Piano strategico del Consejo Regulador per il periodo 2019-2020. Si concentra su tre pilastri fondamentali, tra cui una più chiara segmentazione per la qualità e l'origine regionale, misure più rigorose di controllo della qualità per i produttori e un'ampia campagna di marketing in cinque Paesi.

Le attività di marketing sono "progettate per interagire con ristoranti e rivenditori indipendenti", ha affermato l'organismo di regolamentazione e implicheranno sia l'organismo del settore che i produttori a parlare direttamente con la stampa, gli influencer e gli acquirenti di vino sui "punti distintivi dello spumante numero uno in Spagna".

Il Consejo Regulador mirerà anche a educare i professionisti del settore vinicolo sui vari terroir di Cava, i vitigni autoctoni, il tradizionale processo di vinificazione, come viene invecchiato e dove viene prodotto. Pagés ha aggiunto: “Siamo una D.O. molto giovane, di soli 30 anni, e negli ultimi anni abbiamo iniziato a integrare le realtà e i territori molto diversi che compongono la D.O. Ora è il momento di evidenziare gli aspetti intrinseci che rendono il nostro prodotto così speciale e presentarli ai nostri consumatori e critici in una struttura comprensibile che consenta loro di scegliere tra le diverse categorie di Cava, ampliando così la visione con un chiara proposta premium".

La maggior parte del Cava spagnolo viene venduta all'estero, con esportazioni che rappresentano circa il 60% delle vendite totali, secondo l'associazione. La Dop Cava esporta più vino di qualsiasi altra denominazione spagnola.

I bevitori nel Regno Unito hanno acquistato circa 23 milioni di bottiglie di Cava lo scorso anno, secondo la WSTA, ma le vendite dello sparkler spagnolo sono ancora molto indietro rispetto allo Champagne e al Prosecco.

The Cava D.O. affronta una serie di sfide, dalla percezione del consumatore al dissenso tra i produttori. I produttori hanno rotto formalmente i legami con il D.O. per formare il proprio organismo riconosciuto dall'UE noto come Corpinnat lo scorso anno. La principale spinta dietro la formazione di Corpinnat è quella di essere in grado di produrre, vendere e commercializzare vini esclusivamente da Penedès, piuttosto che dall'area molto più ampia in cui oggi è permesso Cava.

Tuttavia, all'inizio dell'anno Xavier Gramona, presidente congiunto di Corpinnat, ha dichiarato al business delle bevande che la designazione di separazione "non ha chiuso definitivamente la porta su Cava" e ha continuato a discutere in modo produttivo con il presidente del Consejo Regulador.

Arrivano da Israele le acque 'infuse' di vino

18-02-2020 | Estero

Wine Water sta per arrivare in Europa con le sue...

La Maremma Toscana è la terza Doc più grande della Regione

18-02-2020 | Trend

Il Maremma Toscana Doc, basato sull'omonima IG, è ora la...

Barolo e Barbaresco volano a New York con Bottura

18-02-2020 | Arte del bere

Si è chiusa con successo la 48 ore newyorkese di...

Cresce a 95 milioni il numero di bottiglie prodotte dalla Doc Sicilia nel 2019

18-02-2020 | Trend

Cresce a 95 milioni il numero di bottiglie prodotte dalla...

Effetto Coronavirus: salta la fiera del vino di Chengdu

18-02-2020 | News

Primi effetti dell’epidemia di Coronavirus sul mercato del vino in...

Polonia: in arrivo tasse aggiuntive sulle bevande alcoliche

18-02-2020 | Normative

Il Governo polacco intende adottare un nuovo provvedimento che impone...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection