Dall'estero

La Wine and Spirit Trade Association (WSTA) ha criticato il governo britannico per la sua "mancanza di leadership politica" e ha consigliato all'industria di continuare a prepararsi per una Brexit senza accordi.

Rivolgendosi ai partecipanti al Summit dell'Industria WSTA 2019, tenutosi il 18 settembre presso la British Library a Londra, Miles Beale, amministratore delegato della WSTA, ha sottolineato che l'industria britannica del vino e degli alcolici ha dovuto affrontare un clima politico "senza precedenti". Beale ha dichiarato: “In Downing Street, la mancanza di una leadership politica è stata sostituita da manovre politiche pesanti. La rottura, la deriva e la divisione sembrano diventate la nuova norma".

Beale ha affermato che alla luce dei recenti eventi - in particolare la pubblicazione del rapporto Yellowhammer, la proposta di "gravosi e inutili certificati di importazione VI-1 per il vino" e piani controversi per introdurre un "sistema di restituzione dei depositi" per i contenitori di bevande - sembra che il governo non capisca il valore delle importazioni nell'economia del Regno Unito.

"Siamo stati indotti a credere che il governo abbia ascoltato e compreso le nostre preoccupazioni, ma i recenti annunci indicano il contrario", ha detto Beale. "Come abbiamo detto negli ultimi tre anni, dobbiamo continuare a prepararci e pianificare per una Brexit senza accordo".

"Abbiamo sempre detto che ci saranno significative interruzioni a breve termine, e questo è stato finalmente riconosciuto dal governo una volta costretto a pubblicare il rapporto Yellowhammer. Non è una lettura rassicurante. Il tempismo non potrebbe essere peggiore. Lo spazio a magazzino è già sotto pressione nel periodo che precede il Natale e il governo sembra intenzionato a non agire sulle preoccupazioni dell'industria".

La WSTA ha pubblicato un documento, chiamato "Pianificazione di un'uscita dall'UE senza accordi: la risposta dell'industria del vino e delle bevande spiritose", che offre consulenza in vista dell'attuale partenza programmata del Regno Unito dall'UE il 31 ottobre 2019. Un consiglio che è stato offerto ai produttori è quello di fare scorta per garantire che le forniture soddisfino la domanda post Brexit.

Parlando a un panel al Summit dell'Industria del 2019, quando gli è stato chiesto se la sua azienda stava accumulando in preparazione di Brexit, Brad Madigan, MD Campari Group UK e membro del consiglio di amministrazione della WSTA, ha dichiarato: "Assolutamente".

"L'incertezza sulla Brexit] crea costi, sia che si tratti di scorte per garantire una fornitura senza interruzioni, sia per il personale", ha affermato. “Noi vorremmo vedere una direzione, e quindi navigare in quella direzione. Abbiamo un risultato preferito, ma stiamo anche lavorando nel consiglio in vista di una Brexit senza accordi".

Nel pannel parlava anche Pierpaolo Petrassi, capo del commercio, Waitrose. Ha commentato la necessità di accumulare riserve per prepararsi a lunghi ritardi nei porti, il che probabilmente darebbe la priorità alla frutta e verdura fresca che il Regno Unito importa rispetto ad articoli "non essenziali", come vino e alcolici. "[Brexit è] un incubo", ha detto. “Al vino e agli alcolici non verrà data priorità sull'altra estremità del canale. La scarsa fiducia dei consumatori riguarda tutti. Se vendi qualcosa di non essenziale, avrà un impatto".

 

Wine and the White House: un libro sui vini dei presidenti

17-01-2020 | Arte del bere

Donald Trump se ne fa un vanto: “non ho mai...

Dove nasce il Torcolato

17-01-2020 | Itinerari

Domenica 19 gennaio 2020 a partire dalle 14.30 la Doc Breganze celebrerà nella piazza principale...

Dazi Usa: 117 membri del Congresso americano chiedono di non colpire il vino

16-01-2020 | News

Il Gruppo americano Congressional Wine Caucus (membri del Congresso americano legati al...

La nuova architettura del sostegno pubblico all'export

15-01-2020 | News

A seguito del riordino delle competenze tra Ministero per gli...

Calano i consumatori abituali di vino in Usa. Lo studio di Wine Intelligence

14-01-2020 | Studi e Ricerche

La popolazione di bevitori abituali di vino negli Stati Uniti...

Asia, Nuova Zelanda e Cile: le opportunità formative per le giovani Donne del Vino

14-01-2020 | Arte del bere

Dai mercati dell’Asia alle vigne della Nuova Zelanda e del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection