Dall'estero

Il Ministero delle Finanze canadesi ha pubblicato, lo scorso 19 marzo, il budget 2019 nel quale viene proposto di rimuovere le barriere, attualmente previste, nel commercio di bevande alcoliche da una provincia canadese all’altra. La proposta segue la decisione dello scorso anno di aumentare le quantità consentite nelle vendite interprovinciali di alcol.

La questione riprende il Caso Comeau sul quale, circa un anno fa, la Corte suprema canadese si era pronunciata confermando il potere delle province ad operare delle restrizioni nella movimentazione di bevande alcoliche tra una provincia e l’altra, in ossequio al principio del federalismo.

Non è chiaro se la liberalizzazione riguarderà solo le bevande alcoliche prodotte in Canada, mentre incombono le elezioni federali che avranno luogo il prossimo autunno.

Arriva l'Atlante Interattivo dell’Amaro d’Italia, una guida sfogliabile online

11-06-2021 | Arte del bere

Nasce a Bologna l'Associazione Nazionale Amaro d'Italia, fondata a fine maggio...

Gran Bretagna: vendite record di gin off-trade

11-06-2021 | Estero

In attesa di festeggiare domani 12 giugno il World Gin...

Nel 2025 i primi vini del Colle Palatino a Roma

11-06-2021 | Arte del bere

Tra quattro anni si potrà brindare con il primo calice...

Abbazia di Novacella: sacre degustazioni

11-06-2021 | Itinerari

Camminare tra i vigneti dell’Abbazia, degustare i vini in abbinamento...

Vermouth di Torino verso la protezione internazionale dell’Accordo di Lisbona

10-06-2021 | Estero

Nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 9 giugno 2021 è stata pubblicata...

Pinot grigio delle Venezie: arriva la versione rosé

10-06-2021 | Normative

E' stata pubblicata nella Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana del 9 giugno...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.