Dall'estero

Il Ministero delle Finanze canadesi ha pubblicato, lo scorso 19 marzo, il budget 2019 nel quale viene proposto di rimuovere le barriere, attualmente previste, nel commercio di bevande alcoliche da una provincia canadese all’altra. La proposta segue la decisione dello scorso anno di aumentare le quantità consentite nelle vendite interprovinciali di alcol.

La questione riprende il Caso Comeau sul quale, circa un anno fa, la Corte suprema canadese si era pronunciata confermando il potere delle province ad operare delle restrizioni nella movimentazione di bevande alcoliche tra una provincia e l’altra, in ossequio al principio del federalismo.

Non è chiaro se la liberalizzazione riguarderà solo le bevande alcoliche prodotte in Canada, mentre incombono le elezioni federali che avranno luogo il prossimo autunno.

Ais Veneto: vino e cultura nel podcast di Sorsi d'Autore

13-07-2020 | Arte del bere

AIS Veneto torna a raccontare il mondo del vino in occasione...

Cantina Italia, 44,1 milioni di ettolitri di vino in giacenza all'8 luglio 2020

13-07-2020 | Studi e Ricerche

Alla data dell’8 luglio 2020 negli stabilimenti enologici italiani erano...

Vendemmia verde: ecco la graduatoria delle domande ammesse

13-07-2020 | News

È disponibile la graduatoria delle domande ammesse alla misura della...

Istruzioni Agea per l'accesso agli aiuti Ocm

13-07-2020 | News

Con le Istruzioni operative n. 65 del 10 luglio 2020...

Primitivo di Manduria Dop: stop alla crescita dei vigneti per tre anni

13-07-2020 | News

Stop alla crescita dei vigneti a denominazione nel territorio del...

Vin Santo di Montepulciano: "Toscana" in etichetta

13-07-2020 | Normative

Nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 13 luglio 2020 è...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection