Dall'estero

Il Regno Unito si è mobilitato per recuperare un vino della prima guerra mondiale che giace negli abissi  seguito di un naufragio. E' infatti in corso una spedizione per salvare 50 bottiglie - si pensa di vino e/o di alcolici - da una nave britannica silurata al largo delle coste della Cornovaglia nel 1918. Organizzata da Cookson Adventures con l'aiuto di varie entità marittime e archeologiche, la spedizione esaminerà ulteriormente il relitto e poi tenterà di recuperare le bottiglie del valore potenziale di diversi milioni di sterline.

La nave in questione era una nave mercantile britannica che navigava da Bordeaux nel Regno Unito con un carico di vino quando fu silurata da un U-boat tedesco nel 1918. Oggi giace a 100 metri sott'acqua al largo della costa della Cornovaglia e un primo tuffo della compagnia di esplorazione marittima 10994 Ltd per localizzare il relitto ha rivelato il suo carico di "diverse centinaia" di bottiglie di vino e forse anche di Champagne e liquori, la maggior parte delle quali sembra essere intatto.

La fase due del progetto vedrà diversi giorni di ulteriori mappature e rilievi prima che inizi il lavoro di recupero. Alcune bottiglie saranno "sondate" con il sistema di mescita Coravin al momento del recupero per determinare la loro bevibilità e con ogni probabilità molte saranno inviate all'Università di Digione per ulteriori test. Anche il National Maritime Museum of Cornwall a Falmouth ha espresso interesse a ospitarne alcune nella sua collezione.

Cookson Adventures offre inoltre la possibilità di essere presente a uno dei suoi clienti, insieme a un team di documentaristi e altri esperti del mondo del vino e dell'archeologia. Il ceo Adam Sebba ha dichiarato: "La rarità di un carico del genere non ha precedenti e stiamo trattenendo il respiro con ansia per vedere se possiamo recuperare il vino. L'immersione sarà impegnativa ma, lavorando con un team di esperti, siamo fiduciosi di poter estrarre i preziosi manufatti intatti".

 

Decreto contrassegni vini Docg e Doc, la Camera chiede tempi brevi

24-03-2019 | Normative

Nella seduta della Commissione Agricoltura della Camera di giovedì 21...

Sui sentieri del Parco d'Abruzzo per gustare il liquore di genziana

22-03-2019 | Itinerari

Il liquore di Genziana è l’immancabile fine pasto della tavola...

Nei prossimi 20 anni quasi 30mila nuovi posti di lavoro nel vino inglese

21-03-2019 | Estero

La corsa del vino inglese pare inarrestabile. Nei prossimi 20...

Franciacorta riscopre l'Erbamat, antico vitigno autoctono

21-03-2019 | News

Le forme di allevamento sono la testimonianza storica dell’evoluzione del...

Tutela del paesaggio: il Consorzio Vini Asolo Montello chiede il blocco dei nuovi impianti

21-03-2019 | News

Il Consorzio Vini Asolo Montello ha inviato ufficialmente alla Regione Veneto la richiesta...

Apre in Norvegia il primo ristorante sottomarino europeo

21-03-2019 | Estero

Il primo ristorante subacqueo d’Europa aprirà il mese prossimo sulla...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.