Dall'estero

In attesa di capire cosa succederà con la Brexit - nuovo accordo con Bruxelles o uscita traumatica e no deal - anche il mondo del vino e degli spiriti in Gran Bretagna si sta attrezzando tutte le ipotesi. Vanno interpretate in questo quadro le mosse degli importatori e dei colossi degli spirits che in alcuni casi hanno già annunciato un ampliamento delle scorte.

Mentre continua ad aumentare la produzione enologica interna: lo scorso anno in Uk sono state prodotte 15,8 milioni di bottiglie, un vero record e il doppio della migliore annata precedente (6,3 milioni di bottiglie nel 2014). 

Ma gli importatori temono l’introduzione di dazi a seguito della Brexit. Oggi sono esenti tutti i vini europei oltre a quelli cileni e sudafricani.

Con grande sollievo della Wine and Spirit Trade Association (WSTA), il governo britannico ha annunciato la “continuità” dell’accordo commerciale con il Cile anche nell’eventualità di una Brexit dura. 

Negli ultimi 12 mesi i consumatori britannici hanno consumato 105 milioni di bottiglie di vino cileno (per un valore pari a 720 milioni di sterline, l’8% del valore complessivo delle vendite in Uk di vini fermi). 

La WSTA, che sta chiedendo al governo una sospensione di almeno sei mesi dei dazi in caso di no deal, ha calcolato che una no deal Brexit costerebbe agli importatori almeno 100 milioni di sterline l’anno. Molti di loro si stanno comunque tutelando con un aumento significativo delle scorte.

Bellanova firma il decreto sui contrassegni per i vini a denominazione

28-02-2020 | News

Lungamente atteso, arriva il provvedimento sui contrassegni per i vini...

Praga vuole ridurre la pubblicità degli spiriti

28-02-2020 | Estero

Il ministro ceco della Salute ha espresso l’intenzione di ridurre...

Australia e Nuova Zelanda: in etichetta allerta su consumo in gravidanza

28-02-2020 | Normative

I principali organi di rappresentanza dell’industria hanno espresso forti critiche...

Strategia "Farm to Fork": non solo appelli, ci saranno norme Ue per ridurre l'uso di pesticidi

28-02-2020 | News

La strategia Farm to Fork per il cibo sostenibile è...

Non solo sci. Pausa golosa a La Thuile

28-02-2020 | Itinerari

Lì, lungo la strada che porta al colle Piccolo San...

Wine Trade Monitor 2019: Francia, Italia e Spagna rimangono in testa

27-02-2020 | Studi e Ricerche

“Oltre ad essere riconosciuto come uno dei paesi con maggiore...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection