Dall'estero

In attesa di capire cosa succederà con la Brexit - nuovo accordo con Bruxelles o uscita traumatica e no deal - anche il mondo del vino e degli spiriti in Gran Bretagna si sta attrezzando tutte le ipotesi. Vanno interpretate in questo quadro le mosse degli importatori e dei colossi degli spirits che in alcuni casi hanno già annunciato un ampliamento delle scorte.

Mentre continua ad aumentare la produzione enologica interna: lo scorso anno in Uk sono state prodotte 15,8 milioni di bottiglie, un vero record e il doppio della migliore annata precedente (6,3 milioni di bottiglie nel 2014). 

Ma gli importatori temono l’introduzione di dazi a seguito della Brexit. Oggi sono esenti tutti i vini europei oltre a quelli cileni e sudafricani.

Con grande sollievo della Wine and Spirit Trade Association (WSTA), il governo britannico ha annunciato la “continuità” dell’accordo commerciale con il Cile anche nell’eventualità di una Brexit dura. 

Negli ultimi 12 mesi i consumatori britannici hanno consumato 105 milioni di bottiglie di vino cileno (per un valore pari a 720 milioni di sterline, l’8% del valore complessivo delle vendite in Uk di vini fermi). 

La WSTA, che sta chiedendo al governo una sospensione di almeno sei mesi dei dazi in caso di no deal, ha calcolato che una no deal Brexit costerebbe agli importatori almeno 100 milioni di sterline l’anno. Molti di loro si stanno comunque tutelando con un aumento significativo delle scorte.

Mediobanca: nel 2020 fino a 2 miliardi di perdite nelle vendite di vino

26-05-2020 | News

Consueta, dettagliata fotografia del mondo del vino (nazionale e internazionale)...

Covid: le proroghe dei termini nel settore agricolo

26-05-2020 | Normative

Con il decreto n. 5779 del 22 maggio 2020 il...

Chiarimenti sulle regole di distillazione e riduzione delle rese

26-05-2020 | Normative

Venerdì 22 maggio si è tenuta una riunione convocata dal...

I consigli di Liv-ex per adattare le strategie di vendita al periodo post Covid

25-05-2020 | Trend

La pandemia Covid negli ultimi tre mesi ha radicalmente mutato...

Arriva la app per la gestione digitale della cantina

25-05-2020 | Trend

Fase 2: una “foodtech company” al fianco dei ristoratori per...

Cantina Italia, giacenze in calo del 1,5% rispetto al 14 maggio

25-05-2020 | Studi e Ricerche

Alla data del 21 maggio 2020 negli stabilimenti enologici italiani...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection