Dall'estero

Il Distilled Spirits Council, insieme a più di 45 gruppi economici e agricoli, ha invitato gli Stati Uniti a "prendere tutti i provvedimenti necessari" per porre fine alla guerra commerciale in corso con il Messico e il Canada e minimizzare il danno alle imprese americane. 

Lo scorso anno il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva scatenato una guerra commerciale con diversi paesi a seguito dell'applicazione di una tariffa di importazione del 25% e del 10% rispettivamente su acciaio e alluminio in vigore dal 1° giugno 2018. A luglio, il Canada aveva risposto a queste tariffe aumentando i propri dazi su oltre 250 prodotti realizzati negli Stati Uniti, inclusa una tariffa del 10% sul whisky americano. Nel frattempo, il Messico ha imposto una tariffa di ritorsione del 25% e lo stesso la Cina sulle importazioni di whisky americani. Anche la Commissione europea ha imposto una tariffa alle importazioni di whisky a partire da luglio.

Quasi un anno dopo, l'industria di distillazione degli Stati Uniti chiede negoziati più incisivi per porre fine alla situazione di stallo, in modo che possa riprendere il commercio nordamericano a tariffa zero. Il Council e le 45 imprese hanno inviato una lettera al segretario del commercio Wilbur Ross e al rappresentante commerciale statunitense Robert Lighthizer, chiedendo che gli Stati Uniti lavorino con Messico e Canada per porre fine alle tariffe di ritorsione sui beni degli Stati Uniti il ​​prima possibile.

"Gli spiriti degli Stati Uniti sono stati un obiettivo delle guerre commerciali, con il whisky americano l'unico prodotto agricolo statunitense soggetto a ritorsioni tariffarie da parte di tutti i partner commerciali", ha detto il vicepresidente senior per gli affari internazionali del Distilled Spirits Christine LoCascio. "I mercati aperti creati da accordi commerciali hanno notevolmente giovato all'industria degli alcolici degli Stati Uniti, agli agricoltori americani e ai nostri consumatori. Esortiamo un dialogo continuo con il Messico e il Canada per garantire la pronta rimozione delle tariffe di ritorsione", ha aggiunto.

"Per molti agricoltori, allevatori e produttori, il danno derivante dalle azioni commerciali nella controversia sull'acciaio supera di gran lunga qualsiasi beneficio che possa derivare loro dall'USMCA (US-Mexico-Canada Agreement, ndr)", si legge nella lettera. "L'applicazione continua delle tariffe sui metalli comporta difficoltà economiche per le società statunitensi che dipendono dall'acciaio importato e dall'alluminio, ma che non sono esenti da tali tariffe. Anche i produttori di prodotti agricoli e manifatturieri che dipendono fortemente dai mercati canadese e messicano stanno subendo gravi perdite finanziarie".

Il testo completo della lettera può essere scaricato qui.

 

Wine and the White House: un libro sui vini dei presidenti

17-01-2020 | Arte del bere

Donald Trump se ne fa un vanto: “non ho mai...

Dove nasce il Torcolato

17-01-2020 | Itinerari

Domenica 19 gennaio 2020 a partire dalle 14.30 la Doc Breganze celebrerà nella piazza principale...

Dazi Usa: 117 membri del Congresso americano chiedono di non colpire il vino

16-01-2020 | News

Il Gruppo americano Congressional Wine Caucus (membri del Congresso americano legati al...

La nuova architettura del sostegno pubblico all'export

15-01-2020 | News

A seguito del riordino delle competenze tra Ministero per gli...

Calano i consumatori abituali di vino in Usa. Lo studio di Wine Intelligence

14-01-2020 | Studi e Ricerche

La popolazione di bevitori abituali di vino negli Stati Uniti...

Asia, Nuova Zelanda e Cile: le opportunità formative per le giovani Donne del Vino

14-01-2020 | Arte del bere

Dai mercati dell’Asia alle vigne della Nuova Zelanda e del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection