L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

Martedì, 08 Maggio 2018

Canada, crescita a doppia cifra per gli spiriti italiani

di Vittoria Alerici

Gli amanti del mondo degli spiriti hanno appena avuto l'occasione di partecipare a uno dei più prestigiosi appuntamenti per il settore: il 5 maggio scorso nella Roy Thomson Hall di Toronto si è tenuto Spirit of Toronto.

Giunto alla sua quindicesima edizione, rappresenta una tra le più importanti manifestazioni del settore in Canada. Evento aperto al pubblico, ogni anno colleziona la presenza di numerosi visitatori, operatori del settore, esperti o semplici appassionati: con un incredibile selezione di più di 100 produzioni di eccellenza provenienti da tutto il mondo, degustazioni, seminari, musica dal vivo e cocktail straordinari preparati da esperti mixologist, Spirit of Toronto non è un semplice whisky gala, ma un viaggio nel mondo dei liquori e dei distillati. 

In questa occasione l’Italia ha giocato un ruolo da protagonista: grazie alla collaborazione tra l’Italian Trade Commission ed il gruppo The Spirit of Italy, è stata organizzata un’area espositiva esclusivamente dedicata alle eccellenze italiane del settore, rappresentate da 9 brand italiani: RAMAZZOTTI, NARDINI, LUCANO, STREGA, LUXARDO, VARNELLI, COCCHI, TOSCHI e PALLINI. È stata organizzata una masterclass tenuta dal noto esperto Tad Carducci, seguita da una degustazione dove è stato possibile gustare una varietà di cocktail preparati con i brand italiani.

Quello degli spiriti è un mercato in crescita: il volume delle importazioni totali in Canada ha superato lo scorso anno i 960 milioni di dollari canadesi, registrando una crescita del 7,4% negli ultimi due anni. La metà delle forniture proviene da USA e Inghilterra, mentre l’Italia è al settimo posto, con un volume di importazioni totali pari a 28,4 milioni (+ 10% sul 2016).

In questo scenario i margini di crescita per l’Italia sono evidenti: in un mercato il cui giro d’affari ha sfiorato il miliardo nell’ultimo anno, l’Italia investe risorse nella promozione delle proprie eccellenze al fine di ampliare la propria quota di mercato. In questo senso, Spirit of Toronto ha rappresentato un’occasione ineguagliabile, un palcoscenico di prim’ordine per la promozione dei liquori e i distillati italiani in Canada. 

Acque e vini sui Colli Euganei

25-05-2018 | Itinerari

I Colli Euganei sono un vero e proprio patrimonio naturale e storico...

Nomisma: il vino italiano cresce, ma in alcuni mercati è ancora troppo fragile

24-05-2018 | News

Tra incognita Brexit, boom del Rosé negli Stati Uniti, rallentamento...

Droni, bottiglie edibili o vending machine, cosa c'è nel futuro del vino?

23-05-2018 | Trend

I futuri amanti del vino potrebbero essere in grado di...

Ue avvia negoziati commerciali con Australia e Nuova Zelanda

23-05-2018 | Normative

 Il Consiglio europeo ha autorizzato la Commissione ad avviare negoziati...

Anche per spiriti e aceti la sfida della dimensione

23-05-2018 | News

Il valore aggiunto è stato il tema principale dell’annuale Assemblea 2018...

Diversificare, snellire, attivare una filiera allargata: i nodi del vino 4.0

23-05-2018 | News

Non adagiarsi sui risultati raggiunti. Anche se l'export continua a...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori, Esportatori ed Importatori di Vini, Vini Spumanti, Aperitivi, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed Affini

Please publish modules in offcanvas position.