Trend

Arte, architettura, design, interni, consigli culinari, tendenze, moda e comunicazione. Tutto all'insegna del buon gusto.

I livelli di alcol nel vino sono aumentati negli ultimi 30 anni. Questo non è un segreto, ma quantificare le tendenze è possibile solo con un pool significativo di dati accurati sul vino e Liv-ex ora ha diffuso questi dati.

A partire dal 2020, Liv-ex ha iniziato a registrare e verificare i valori di alcol in volume (abv) per i vini. A oggi ha registrato le gradazioni alcoliche di 35mila vini, di cui quasi 20mila verificati dal team dell'istituto specializzato sul mercato del vino, che ha controllato le bottiglie una ad una.

"Questa è un'istantanea straordinaria dei cambiamenti significativi che stanno avvenendo in alcune delle più importanti regioni vinicole del mondo", ha affermato Justin Gibbs, co-fondatore e direttore di Liv-ex. Come mostra il grafico, i vini rossi della California, del Piemonte e della Toscana hanno visto un significativo aumento dei livelli alcolici dagli anni '90 agli anni 2000, quando si sono stabilizzati o hanno iniziato a diminuire leggermente.

Liv-ex_abv_chart.png

Le gradazioni alcoliche dei vini Bordeaux, invece, hanno continuato a salire, seppur partendo dalla base più bassa. La Borgogna è l'unica delle cinque regioni a mostrare un movimento più stabile.

L'aumento dei livelli di alcol è stato notato già in precedenza, con gran parte della discussione incentrata sull'impatto del cambiamento climatico. In parole povere, l'aumento delle temperature porta a uve più mature con più zucchero, e quindi più alcol. Ma questo non racconta tutta la storia. In una certa misura, la maturazione dell'uva può essere moderata modificando le pratiche del vigneto, come la gestione della chioma o il tempo di raccolta. In cantina si possono utilizzare diversi lieviti per contenere la gradazione alcolica. In alcuni casi, come è probabile che accada per alcune aziende vinicole della Borgogna, i produttori di vino possono semplicemente smettere di capitalizzare (aggiungendo zucchero prima della fermentazione per aumentare il livello di alcol risultante).

È probabile quindi che anche le preferenze di stile abbiano avuto un ruolo nel guidare queste tendenze.

"I vini analizzati sono vini scambiati su Liv-ex, ovvero una vasta gamma di vini per lo più pregiati", ha affermato Gibbs. "Poiché la fascia alta del mercato stabilisce in genere il punto di riferimento per il resto del mercato, è possibile che questo stesso modello si ripeta lungo tutta la catena del valore".

 

 

 

Teatro con cena ispirata all’antica Grecia nella Valle dei Templi

04-08-2022 | Itinerari

Continua anche quest'anno a Le Stoai, nella Valle dei Templi, il Simposio...

Vademecum vendemmiale Icqrf per la campagna vitivinicola 2022-2023

02-08-2022 | Normative

In occasione della campagna vitivinicola 2022-2023 è stato pubblicato sul...

Volo in ritardo o cancellato? A Londra c’è il vino di “supporto emotivo”

02-08-2022 | Arte del bere

Sebbene non possa compensare del tutto lo stress di un...

La crisi sui dazi cinesi fa crollare le esportazioni di vino australiano di 2,08 miliardi di dollari

02-08-2022 | News

Secondo l'ultimo rapporto sulle esportazioni di Wine Australia, il valore...

Ue: l’export di vino europeo +12% nei primi cinque mesi 2022

29-07-2022 | News

La Commissione UE ha rilevato i primi impatti dell'invasione russa...

Aceto “balsamico” sloveno, la Farnesina pensa al ricorso presso la Corte di Giustizia Ue

28-07-2022 | News

  La vicenda dell' aceto 'balsamico' sloveno potrebbe finire presto alla...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.