Trend

Arte, architettura, design, interni, consigli culinari, tendenze, moda e comunicazione. Tutto all'insegna del buon gusto.

Al via le prime sperimentazioni in vigna del progetto Noviagri, voluto dal Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato per realizzare un prototipo meccanico di atomizzatore da impiegare in vigna. Una macchina che servirà a limitare la dispersione di prodotto fitosanitario in fase di trattamento dei vigneti, con un sofisticato sistema tecnologico che incontra ottimizzazione del lavoro e basso impatto ambientale.

Il professor Paolo Gay del Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell’Università di Torino, istituzione centrale fra i partner di Noviagri, ha commentato i lavori in corso che sanciscono la piena operatività dell’intero progetto. I risultati dei rilievi effettuati saranno oggetto, nelle prossime settimane, di analisi comparative che possano fissare i termini preliminari delle operazioni. «Abbiamo cominciato a lavorare fra i filari, effettuando un passaggio in campo con posizionamento di segnali a terra che consentano il riconoscimento dall’alto grazie ai droni – dichiara Paolo Gay – Tali segnali vengono georeferenziati con una precisione inferiore al centimetro, così da localizzare la pianta in modo minuzioso».

Successivamente, con la collaborazione dei tecnici, si è proceduto a individuare le piante che presentano segni di malattia. I rilievi da terra effettuati con spettroradiometro e camere multispettrali, finalizzati a vedere l’impronta spettrale delle foglie individuate come malate, serviranno a comporre il quadro delle informazioni che, una volta analizzate, dovranno essere confrontate con quelle rilevate dai droni, per valutare le coincidenze.

L’obiettivo insomma, oltre alla mappatura del vigneto, è quello di assicurare la correlazione fra le misure a terra e le misure in cielo, in modo che un domani tutto possa essere gestito attraverso il sistema di rilievo aereo. Questo perché un volo, in una decina di minuti, può coprire un vigneto intero con una risoluzione dell’ordine di 1 cm, coniugando grande spazialità e grande risoluzione assieme, esponenzialmente più minuziosa di quella offerta dal satellite. «Finalmente partiamo con le operazioni in campo del progetto – commenta Filippo Mobrici, presidente Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato – Un’attesa ripagata che ci permette di guardare con sempre maggiore concretezza alla viticoltura del futuro, che dovrà essere precisa, efficace e sostenibile».

 

 

All’Accademia dei Georgifili si celebra il centenario di Oiv

23-04-2024 | Arte del bere

Festa a Firenze per i 100 di vita dell'Organizzazione internazionale...

Il labirinto della vite: un viaggio sensoriale nell'enologia e nell'arte

23-04-2024 | Arte del bere

Nel cuore dei comuni di Bassiano, Sezze e Sermoneta, la...

Aumento delle accise sul vino in Russia: come influirà sui prezzi al consumo?

23-04-2024 | Estero

L'aumento delle accise sui prodotti vinicoli in Russia non dovrebbe...

Sughero vs vite: un dibattito sulla sostenibilità delle chiusure nel mondo del vino

23-04-2024 | Studi e Ricerche

L'uso dei sugheri rispetto alle chiusure a vite nel mondo...

Rinviata a luglio 2025 l'entrata in vigore delle nuove normative Eaeu sul vino

23-04-2024 | Normative

L'entrata in vigore delle nuove normative tecniche dell'Unione economica eurasiatica...

Verifood, l’AI in aiuto per tutelare i marchi Dop e Ig

19-04-2024 | Studi e Ricerche

Un sistema di ricerca automatica sul web per scoprire usurpazioni...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.