Studi e Ricerche

Il cambiamento climatico rappresenta una minaccia sempre più concreta per le rinomate regioni vinicole di tutto il mondo. Ricercatori provenienti dall'Università di Bordeaux e dall'Università di Borgogna hanno condotto uno studio allarmante, evidenziando i potenziali impatti del riscaldamento globale sul settore vitivinicolo.

Secondo lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Reviews Earth & Environment, se la temperatura globale dovesse superare la soglia di 2°C, ben il 70% delle attuali regioni vinicole potrebbe affrontare rischi significativi di perdita di idoneità per la produzione di vino. Questo potrebbe portare alla scomparsa di regioni vinicole iconiche in California, Spagna, Italia, Francia e Grecia.

Le conseguenze del riscaldamento globale sono già evidenti: nel corso dell'ultimo anno, le temperature medie globali sono state superiori di 1,52°C rispetto all'era preindustriale, causando ondate di calore, siccità eccezionali e tempeste mortali. Questi eventi climatici estremi hanno avuto un impatto significativo sulla produzione di vino, con rese più basse rispetto al 1961.

La riduzione della produzione di vino è stata attribuita principalmente alle avverse condizioni meteorologiche, tra cui gelate, forti piogge e siccità. Nonostante gli sforzi internazionali per affrontare il cambiamento climatico, le emissioni globali di gas serra sono aumentate del 1,1% nel 2023, secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia.

Il rapporto degli studiosi ha evidenziato che i produttori possono rispondere all'adattamento alle nuove condizioni climatiche mediante la coltivazione di varietà di uva diverse e sperimentando nuove radici. Tuttavia, tali adattamenti potrebbero non essere sufficienti per mantenere una produzione di vino economicamente sostenibile in alcune aree.

D'altro canto, il riscaldamento delle temperature potrebbe facilitare la coltivazione dell'uva in regioni come il Regno Unito, il nord della Francia, lo Stato di Washington, l'Oregon e la Tasmania.

Tuttavia, il rapporto sottolinea che solo il 25% delle attuali regioni vinicole potrebbe beneficiare di un aumento della temperatura entro la soglia di 2°C, mentre il 26% potrebbe mantenere la propria idoneità attuale con adeguate pratiche di gestione. Questo implica che il livello di riscaldamento globale al di sotto dei 2°C può essere considerato un limite sicuro per oltre la metà delle vigne tradizionali.

In conclusione, il settore vitivinicolo globale è di fronte a sfide significative causate dal cambiamento climatico, e sarà necessario adottare misure concrete per mitigare gli effetti negativi e preservare le preziose tradizioni vinicole nel lungo periodo.

Emergenza siccità nel sud della Francia e Catalogna in stato di crisi già da febbraio

16-05-2024 | Trend

Nella maggior parte del bacino viticolo del Mediterraneo occidentale (Spagna...

Fine della querelle Prosecco-Prosek: una vittoria per le bollicine venete

16-05-2024 | Arte del bere

La controversia tra Prosecco e Prosek giunge finalmente a una...

Esplorando l'Italia tra golfo di Napoli e costa adriatica: un viaggio tra paesaggi e sapori

16-05-2024 | Itinerari

In un viaggio attraverso le regioni italiane del sud e...

Regolamento IG europee, le norme entrano in vigore

15-05-2024 | Normative

Dal 13 maggio è entrato in vigore in Italia  il...

Consorzio del Chianti classico festeggia il centenario nel segno della sostenibilità

15-05-2024 | Trend

Sostenibilità e identità territoriale: sono alcune parole chiave alla base...

Gelate tardive colpiscono le regioni vinicole europee

14-05-2024 | Estero

Le notti gelide alla fine di aprile hanno provocato seri...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.