Studi e Ricerche

I recenti dati pubblicati dall'Istat relativi al mese di giugno 2023 confermano un rallentamento nelle esportazioni di vino italiano al di là dei confini nazionali. Ciò che emerge come elemento di notevole rilievo è che questa flessione coinvolge non solo i volumi, ma anche il valore complessivo delle esportazioni. Questo andamento contrasta con la tendenza degli ultimi anni.

Nel complesso, registra il report di Ismea, nel primo semestre dell'anno si registra una diminuzione dei quantitativi esportati pari al 1,4%, accompagnata da una contrazione del fatturato del 0,4%. Una possibile spiegazione di questo andamento sta nella massiccia accumulazione di scorte avvenuta durante il periodo della pandemia. In quei mesi, la paura di una possibile interruzione delle catene di approvvigionamento aveva spinto molti a rifornirsi in modo consistente. Ora che la situazione logistica si è normalizzata, la domanda estera non è più preoccupata dalla mancanza di prodotti.

IMG 1830

Approfondendo l'analisi dei dati, emergono ulteriori sfumature. I vini a Denominazione di Origine Protetta (Dop) registrano una diminuzione dei volumi esportati del 5%, ma mantengono il valore, suggerendo un aumento del prezzo medio. Le Indicazioni Geografiche Protette (Igp) mostrano una contrazione del 4% nei volumi e del 5% nel valore. Per i vini comuni, la dinamica è diversa, con un aumento del 9% nei volumi, ma solo un incremento del 6% nel valore, confermando la tendenza alla riduzione dei prezzi alla produzione osservata da Ismea negli ultimi mesi.

Un'altra nota preoccupante riguarda gli spumanti, che nel loro complesso perdono il 5% in volumi rispetto al primo semestre del 2022, con un rallentamento particolarmente evidente per il Prosecco, che segna un -6%.

IMG 1831

In sintesi, il settore vinicolo italiano sta affrontando sfide significative nel primo semestre del 2023, con una contrazione delle esportazioni sia in termini di quantità che di valore. Questa tendenza è probabilmente il risultato di una normalizzazione delle condizioni di mercato dopo il periodo eccezionale causato dalla pandemia.

Maggiori informazioni: Commercio_estero_I____semestre__2023.pdf

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Ratifica dell’accordo Ue-Canada: i benefici per vini e spiriti italiani

20-02-2024 | News

Si è svolta  l’Audizione informale di Federvini sulla Ratifica ed esecuzione...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.