Studi e Ricerche

Il 2022 segna un nuovo record per le esportazioni agroalimentari italiane che hanno sfiorato 61 miliardi di euro, in crescita del 14,8% rispetto al 2021. Un risultato certamente influenzato dalla forte dinamica inflattiva e che ha inciso però soprattutto sul lato passivo della bilancia commerciale, riportando in deficit il saldo del nostro interscambio (-1,6 miliardi di euro). Il principale mercato di destinazione dei prodotti agroalimentari italiani si conferma l’Ue che, con 35 miliardi di euro, assorbe nel 2022 circa il 57% delle nostre esportazioni. Germania, Stati Uniti e Francia rimangono i partner di maggior rilievo, con una quota complessiva del 37% e tassi di crescita a doppia cifra sul 2021.

Da segnalare anche il forte incremento delle esportazioni verso Ungheria, Polonia e Repubblica ceca e – fuori dai confini comunitari – Regno Unito, con una ripresa sia in volume sia in valore delle principali voci dell’export alimentare nazionale. In controtendenza le spedizioni verso il Giappone, dove pesa la riduzione delle forniture di tabacchi lavorati, e verso la Russia, a causa dell’irrigidimento delle relazioni commerciali.

Si evidenzia una performance positiva per tutti i principali comparti e categorie, con le uniche eccezioni, tra i primi 20 prodotti esportati, di mele e uva da tavola. I vini in bottiglia raggiungono 5,2 miliardi di euro di export (+6,6%), grazie all’aumento dei prezzi che compensa largamente la riduzione dei volumi (-2,3%); le esportazioni in valore delle paste alimentari aumentano del 38,4% rispetto al 2021 e quelle dei vini spumanti del 19,4%; crescono in misura consistente anche le esportazioni di caffè torrefatto e di prodotti da forno.

Anche dal lato delle importazioni, l’Ue si conferma il principale partner commerciale dell’Italia con una quota del 69% sul nostro import pari a un valore di 43 miliardi di euro nel 2022. Francia, Spagna, Germania e Paesi Bassi sono i principali fornitori, ma spicca al quinto posto il ruolo del Brasile dal quale l’Italia ha aumentato di oltre il 50% le sue importazioni.

 

Al via le domande per contributi a Comunità Energetiche Rinnovabili (Cer)

10-04-2024 | Normative

Sul sito del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (Mase)...

Da maggio in vigore l’accordo di libero scambio tra Ue e la Nuova Zelanda

10-04-2024 | News

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 9 aprile 2024 è...

Investimenti e ristrutturazione vigneti: i chiarimenti Agea

10-04-2024 | Normative

Nel corso della settimana è stata pubblicata sul sito di...

Il tappo a vite celebra i 60 anni, oggi adottato in 40 paesi

10-04-2024 | Trend

Quest'anno ricorre il 60° anniversario dell'adozione dei tappi a vite...

Anche il Portogallo, ottavo paese europeo, adotta il Nutriscore

10-04-2024 | News

Anche il Portogallo ha adottato il Nutriscore, l’etichettatura “a semaforo”...

Ministro delle Finanze della Repubblica Ceca favorevole a una tassa sui vini fermi

08-04-2024 | Estero

Il Ministro delle Finanze della Repubblica Ceca, Zbyňek Stanjura si...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.