Studi e Ricerche

Scende il valore delle esportazioni di vino della maggior parte dei Paesi, secondo gli ultimi dati riferiti da Ice New York su dati 2020. A esclusione della Nuova Zelanda, del Portogallo e del Sudafrica.

Schermata_2021-03-08_alle_10.53.00.png

Anche l’Italia perde -1,5% mentre Francia, Spagna e Germania (colpite dai dazi punitivi del 25% ad valorem imposti aa ottobre 2019 per la disputa Airbus-Boeing) perdono rispettivamente -20%, -11,5% e -30,5%. In termini di quantità, l'Italia registra nel complesso un lieve calo (-0,6%) mentre i 3 Paesi colpiti dai dazi perdono tutti a doppia cifra (Francia -12%, Spagna -10,4%, Germania-11,8%). La Germania esce dalla top 10, scendendo all’11̇° posto, a seguito del grande balzo del Sudafrica (+75,3%). Da notare le crescite notevoli del Canada, Cile e Portogallo.

Schermata_2021-03-08_alle_10.52.09.png

In relazione ai dazi, effettuando un focus sul codice doganale colpito (HTS 22042150), si nota che le perdite dei Paesi colpiti sono molto più rilevanti: Francia -52,2% in valore e -38,3% in volume, Spagna -58,1% in valore e -46,2% in quantità, Germania -31,6% in valore e -13% in volume.

Per i vini bianchi in valore l’Italia è al primo posto con +0,4% . Francia al terzo posto con -38,7% superata dalla Nuova Zelanda, cresciuta del +8%. In quantità l’Italia mantiene il primato, seppur in lieve diminuzione del -0,1% mentre la Francia perde il -29,8%, la Spagna il -19,6% e la Germania il -10,2%.

I vini rossi si trovano leggermente in negativo per l’Italia con -1,8% in valore, mentre è forte il calo per Francia (-57,7%) e Spagna (-67,5%). In quantità l’Italia cresce del 3,5% (quindi l’importazione si concentra su vini di prezzo inferiore rispetto allo stesso periodo del 2019) mentre sono in negativo Francia e Spagna, rispettivamente -43,2% scendendo al quinto posto in classifica e -54,2% al sesto posto.

Tutti i maggiori Paesi sono in negativo per valore nella categoria degli spumanti, che ricordiamo non è mai stata colpita dai dazi. Nonostante una perdita del -10%, la Francia rimane il primo fornitore in valore. L’Italia scende del -5,7%, mentre le perdite per la Spagna e la Germania sono rispettivamente -14,4% e -19,9%.

Da notare gli unici due valori positivi nella top 10 sono quelli registrati da Brasile (+57,3%) e Nuova Zelanda (+210,9%). L’Italia rimane prima in quantità seppur con -2,9%. Anche qui un notevole balzo del Brasile (+57,8%) e della Nuova Zelanda (+253,2%).

Per la categoria del marsala, sherry e altri vini liquorosi l’Italia è al +9,9% mentre la Francia e la Spagna compensano i valori negativi delle altre categorie.

L’Italia è in crescita del 68,6% in valore e 115,8% in quantità nella categoria del vermouth. Interessante la situazione della Spagna (+19,9% in valore ma -15,1% in quantità) che quindi esporta meno ma ad un prezzo molto più alto.

Il 2020 è stato un anno molto difficile per la categoria rosati: l’export dal mondo è calato del -45,8% in valore e del -29,4% in volume. L’inizio della pandemia ha completamente compromesso la “stagione del rosé”. L’Italia ha perso con percentuali più contenute (-9,1% in valore e -11,1% in volume) mentre le diminuzioni di Francia e Spagna sono state accentuate ulteriormente dai dazi punitivi (in valore Francia -54,9% e Spagna -41,9%) I vini rosati sono in negativo sia in valore che in quantità per Italia, Francia e Spagna, sempre causa dei dazi punitivi.

Schermata_2021-03-08_alle_10.52.43.png

L’Italia perde in valore del -22,9% e del -17,2% in quantità mentre la Francia ha una crescita del 303,3% in valore e del 180,8% in quantità per la categoria dei vini in formati oltre ai 2 litri. Una ragione della forte crescita registrata dalla Francia potrebbe essere rintracciabile in una tendenza di alcuni importatori a puntare su grandi formati per evitare l'applicazione dei dazi. Grande crescita in questa categoria anche per il Sudafrica con +207,65 in valore e 458,9% in quantità.

Per quanto riguarda gli spirits come categoria, e per le principali sottocategorie, l’Italia è in perdita sia in valore che in quantità sempre a causa dei dazi punitivi del 25% ad valorem imposti a ottobre 2019 per la disputa Airbus-Boeing.

Per la categoria in generale l’Italia si trova al -39,9% in valore e al -22,9% in quantità. Anche la Francia è in perdita, seppur più leggera, con -7,8% in valore e una lieve crescita del +0,5% in quantità.

Nella categoria dei liquori e cordiali Italia, Francia e Spagna tutte in perdita nella categoria, rispettivamente -40%, -10,8% e -27,3% in valore e -21,5%, -9,3% e 10,3% in quantità.

Nella categoria delle spirituous beverages (HS 220890) l’Italia si trova al nono posto in valore e al decimo in quantità. Interessante posizionamento dell’Irlanda con -56,5% in valore ma +67.379% in quantità, dati indicativi del fatto che questo Paese esporta molto ma a prezzi particolarmente bassi.

Nella categoria dei distillati dell’uva e della vinaccia (HS 220820), dove sono inclusi il brandy e la grappa, la Spagna ha perso -78,87% in valore e -90,6% in quantità. L’Italia è scesa dal quinto all'ottavo posto in valore ma passata dal settimo al quarto per quantità.

Notevole crescita nella categoria del gin per il Canada, +111,8% in valore e +32,7% in quantità. L’Italia invece, mentre aveva riscontrato un notevole balzo nel 2019, ora si trova in a circa -30% sia in valore che in quantità, come ottavo Paese fornitore.

Tutti i maggiori paesi produttori di vodka sono in negativo in valore tranne il Canada (+24,4%). Per quanto riguarda le quantità, la top 10 rimane quasi invariata anche se con alcuni Paesi in negativo.

Nella categoria del rum l’Italia si trova al 44° posto sia in valore che in quantità. Da notare la discesa ripida del Messico in valore di -227,95 dall’11* posto al 119* in classifica.

In generale, la categoria del whiskey si trova maggiormente in negativo però con il Canada, Irlanda e UK che si aggiudicano le top 3 in valore e in quantità e l’Italia con una minuscola quota di mercato in categoria.

Schermata_2021-03-08_alle_10.55.01.png

Scarica il report con i dati. 

Riportiamo di seguito alcune evidenze:
 
importazioni USA da Italia di AGROALIMENTARI E BEVANDE
  • crescita: +2,5% vs 2019
  • totale in valore: oltre 5,5 mld di dollari
  • Italia mantiene 4° posizione come Paese fornitore estero dopo Messico, Canada e Francia
  • olio d'oliva:  crescita +5,1% - Primato in valore (508 mln di dollari) e riacquistato primato su Spagna in quantità 
  • pasta: mantenuto primato (489 mln di dollari) e crescita +34,4%
  • formaggi: mantenuto primato sia in valore (291,6 mln di dollari) che in quantità, nonostante calo -21,8% (dazi)
importazioni USA da Italia di VINO
  • calo: -1,5% vs 2019
  • totale in valore: oltre 1,9 mld di dollari
  • Italia riacquista 1° posizione come Paese fornitore estero (Francia 2°, Nuova Zelanda 3°)
importazioni USA da Italia di SPIRITS
  • calo: -39,9% vs 2019 (dazi)

Teatro con cena ispirata all’antica Grecia nella Valle dei Templi

04-08-2022 | Itinerari

Continua anche quest'anno a Le Stoai, nella Valle dei Templi, il Simposio...

Vademecum vendemmiale Icqrf per la campagna vitivinicola 2022-2023

02-08-2022 | Normative

In occasione della campagna vitivinicola 2022-2023 è stato pubblicato sul...

Volo in ritardo o cancellato? A Londra c’è il vino di “supporto emotivo”

02-08-2022 | Arte del bere

Sebbene non possa compensare del tutto lo stress di un...

La crisi sui dazi cinesi fa crollare le esportazioni di vino australiano di 2,08 miliardi di dollari

02-08-2022 | News

Secondo l'ultimo rapporto sulle esportazioni di Wine Australia, il valore...

Ue: l’export di vino europeo +12% nei primi cinque mesi 2022

29-07-2022 | News

La Commissione UE ha rilevato i primi impatti dell'invasione russa...

Aceto “balsamico” sloveno, la Farnesina pensa al ricorso presso la Corte di Giustizia Ue

28-07-2022 | News

  La vicenda dell' aceto 'balsamico' sloveno potrebbe finire presto alla...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.