Studi e Ricerche

Una ricerca della banca Aldermore rivela che quasi la metà (47%) delle pmi che importano beni e servizi dall'Ue e due pmi su cinque (43%) che esportano nell'Ue non si sono preparate per la Brexit. Tim Boag, amministratore delegato del gruppo finanza aziendale di Aldermore, commenta: “Il 2020 è stato un anno estremamente difficile per le pmi, poiché molte sono state profondamente colpite dalla pandemia Covid-19. Con la fine del periodo di transizione della Brexit il 31 dicembre, le imprese che commerciano con l'Ue devono ora affrontare nuove sfide, soprattutto se non c'è accordo. Le tariffe potrebbero essere introdotte su molte importazioni ed esportazioni, il che avrà un impatto sui costi per le imprese ed è probabile che ci siano ancora cambiamenti significativi da preparare, come controlli aggiuntivi e documentazione sulle merci come richiesto dalla sia il Regno Unito che l'Ue".

La mancanza di preparazione alla Brexit nel Regno Unito è particolarmente preoccupante poiché per le pmi del Regno Unito quasi un terzo (30%) del fatturato proviene da imprese e clienti nell'Ue. Data questa dipendenza, un quarto (25%) dei proprietari di pmi pensa che la Brexit aggraverà le difficoltà economiche causate dal Covid-19. Nel frattempo, una pmi su sei (15%) prevede di subire interruzioni nella propria catena di approvvigionamento a causa della Brexit, con un ulteriore 15% che prevede una carenza di materiali, beni e servizi.

Quasi la metà (46%) degli imprenditori intervistati afferma di essere stata così concentrata nel tentativo di gestire l'impatto del Covid-19 da non aver avuto la possibilità di pensare alla Brexit. Nel frattempo, due su cinque (41%) affermano di cercare di non pensare alla Brexit e al suo impatto fino al prossimo anno, dopo la fine del periodo di transizione. Solo il 14% di coloro che esportano nell'Ue ha consultato la guida del governo per le piccole imprese dopo la Brexit e solo il 14% ha verificato come le modifiche dell'Iva avranno un impatto su di loro. Inoltre, solo uno su sei (16%) di coloro che importano dall'Ue ha controllato le tasse e i dazi per i propri beni, mentre solo il 13% ha verificato se è probabile che vengano applicate ulteriori normative al tipo di merci che importa. Bassi livelli di preparazione potrebbero essere dovuti al fatto che molte pmi ritengono che ci sia una mancanza di informazioni disponibili (43%) e un ulteriore 40% afferma di essere confuso su dove cercare informazioni sulla Brexit.

Mariacristina Castelletta nuovo presidente del Consorzio Alta Langa

19-05-2022 | Arte del bere

Cambio della guardia ai vertici del Consorzio Alta Langa: il...

Week end in rosa sul lago di Garda

19-05-2022 | Itinerari

Ritorna anche quest’anno l’atteso appuntamento con Chiaretto di Bardolino in Cantina:...

Bordeaux 2021 en primeur: previsto un calo della domanda

18-05-2022 | Arte del bere

Secondo Liv-ex oltre il 71% dei commercianti internazionali ha dichiarato...

Usa, i Millennials apprezzano sempre di più il vino a basso contenuto di alcol

17-05-2022 | Trend

Il valore della categoria del vino a basso contenuto alcolico...

Colpire il vino nelle ritorsioni commerciali, una perdita di 340 milioni di dollari all'anno

17-05-2022 | News

Nell'articolo "Vino: il sacco da boxe nella rappresaglia commerciale" pubblicato...

Usa: nuovo metodo per rilevare danni dal fumo degli incendi sulle viti

17-05-2022 | Studi e Ricerche

Alcuni scienziati della California Central Coast e analisti di laboratorio...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.