Normative

Gli aggiornamenti di leggi e decreti che riguardano il mondo dei vini, degli spiriti e degli aceti

L’Uruguay ha notificato al WTO, dopo l’entrata in vigore dello scorso 1° marzo, un provvedimento che introduce l’obbligo di un certificato di analisi per i vini importati che attesti l’assenza di acqua esogena.

Il metodo di analisi che deve essere utilizzato è quello riconosciuto dall’OIV che permette la determinazione del rapporto isotopico 18O/16O dell’acqua nel vino e nel mosto dopo il raggiungimento dell’equilibrio con CO2, utilizzando la spettrometria di massa isotopica. Tale obbligo riguarda solo i vini provenienti da questi paesi dove è ammesso l’uso dell’acqua esogena.

Immediata la replica dell’associazione europea Comité Vins la quale ha ricordato come l’aggiunta di acqua sia una pratica enologica vietata dal Regolamento europeo 1308/2013.

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Ratifica dell’accordo Ue-Canada: i benefici per vini e spiriti italiani

20-02-2024 | News

Si è svolta  l’Audizione informale di Federvini sulla Ratifica ed esecuzione...

Please publish modules in offcanvas position.