Normative

Gli aggiornamenti di leggi e decreti che riguardano il mondo dei vini, degli spiriti e degli aceti

L’Uruguay ha notificato al WTO, dopo l’entrata in vigore dello scorso 1° marzo, un provvedimento che introduce l’obbligo di un certificato di analisi per i vini importati che attesti l’assenza di acqua esogena.

Il metodo di analisi che deve essere utilizzato è quello riconosciuto dall’OIV che permette la determinazione del rapporto isotopico 18O/16O dell’acqua nel vino e nel mosto dopo il raggiungimento dell’equilibrio con CO2, utilizzando la spettrometria di massa isotopica. Tale obbligo riguarda solo i vini provenienti da questi paesi dove è ammesso l’uso dell’acqua esogena.

Immediata la replica dell’associazione europea Comité Vins la quale ha ricordato come l’aggiunta di acqua sia una pratica enologica vietata dal Regolamento europeo 1308/2013.

Arrivano da Israele le acque 'infuse' di vino

18-02-2020 | Estero

Wine Water sta per arrivare in Europa con le sue...

La Maremma Toscana è la terza Doc più grande della Regione

18-02-2020 | Trend

Il Maremma Toscana Doc, basato sull'omonima IG, è ora la...

Barolo e Barbaresco volano a New York con Bottura

18-02-2020 | Arte del bere

Si è chiusa con successo la 48 ore newyorkese di...

Cresce a 95 milioni il numero di bottiglie prodotte dalla Doc Sicilia nel 2019

18-02-2020 | Trend

Cresce a 95 milioni il numero di bottiglie prodotte dalla...

Effetto Coronavirus: salta la fiera del vino di Chengdu

18-02-2020 | News

Primi effetti dell’epidemia di Coronavirus sul mercato del vino in...

Polonia: in arrivo tasse aggiuntive sulle bevande alcoliche

18-02-2020 | Normative

Il Governo polacco intende adottare un nuovo provvedimento che impone...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection