News

Siglata a Tokyo l'intesa tra Giappone e Ue. Un accordo sul libero scambio commerciale che prevede da parte giapponese l'azzeramento dei dazi sul 94% di tutte le importazioni provenienti dall'Unione europea, incluso l'80% di tutti prodotti ittici e agricoli. Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk e il premier nipponico Shinzo Abe, i firmatari.

Secondo la Commissione, l'intesa - destinata a creare la più grande area di libero scambio al mondo - permetterà di rimuovere circa un miliardo di dazi pagati ogni anno dalle imprese dell'Unione per esportare verso il Giappone. L'accordo eliminerà anche una serie di barriere regolamentari in diversi settori. In quello agricolo-alimentare saranno azzerati i dazi su molti prodotti, compresi i vini e le bevande alcoliche (attualmente al 15% in media). L'Ue secondo le previsioni dovrebbe aumentare in modo consistente le sue esportazioni agroalimentari. Sempre nel settore agricolo, il Giappone garantirà oltre 200 indicazioni geografiche europee.

A sua volta l'Unione europea eliminerà le imposte sul 99% delle merci giapponesi garantendo, inoltre, una maggiore apertura per il mercato automobilistico distribuita su un periodo di 8 anni e, nell'arco di 6, sugli apparecchi televisivi.

"Con il più grande accordo commerciale bilaterale di sempre, oggi cementiamo l'amicizia nippo-europea – ha dichiarato Tusk a margine della firma –. Geograficamente siamo lontani, ma politicamente ed economicamente non potremmo essere più vicini". Juncker ha invece parlato di "momento storico per la partnership" tra Ue e Giappone. "Non può esserci unità dove c'è unilateralismo", ha sottolineato con chiaro riferimento alle recenti e note decisioni prese sui dazi a livello internazionale dal presidente americano Donald Trump.

Il Jefta (Japan-Eu Free Trade Agreement, o Epa, Economic Partnership Agreement) entrerà in vigore a partire dal 2019, dopo essere stato sottoposto a ratifica da parte del Parlamento europeo e della giapponese Dieta. L'Italia ha dato il suo consenso alla firma da parte dell'Ue il 6 luglio scorso.

 

 

Ue ribadisce: divieto di trasformare in vino uve di Paesi Terzi e obbligo di provenienza in etichetta

21-01-2019 | News

Lo scorso 18 novembre l'on. Mara Bizzotto aveva presentato un'interrogazione...

Vulture d'acqua e di vino

18-01-2019 | Itinerari

La Basilicata è terra generosa in fatto di vini e...

In ricordo di Gerard Basset, uomo gentile del vino

17-01-2019 | News

Si è spento Gerard Basset, Master of Wine, Master Sommelier...

La produzione di vino accelera: +1% nei primi undici mesi (contro lo 0,7% del 2017)

17-01-2019 | Studi e Ricerche

Le tendenze congiunturali dei primi 11 mesi del 2018 rivelano...

“Venduti ai minori”: Federvini fa il punto su ragazzi e alcol

17-01-2019 | News

E’ stata presentata presso il Senato della Repubblica, Sala Zuccari...

Doc Sicilia: dal 1 gennaio 2021 il contrassegno di Stato sulle bottiglie

16-01-2019 | News

I vini della Doc Sicilia, dal 1 gennaio 2021, saranno...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.