News

Il Ministro dell’Agricoltura Gian Marco Centinaio ha annunciato che l’Italia non ratificherà il trattato di libero scambio con il Canada (CETA) “perché tutela solo una piccola parte dei prodotti Dop e Igp”. 

Il CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement) è entrato in vigore in maniera provvisoria lo scorso 21 settembre 2017 e attualmente deve essere ratificato da tutti e 28 gli Stati membri.

Se l’Italia si fermasse alla “non ratifica” il Trattato continuerebbe però a restare in piedi, anche se non per le parti di competenza nazionale in Italia. Se invece il Parlamento lo bocciasse con un voto esplicito allora il CETA potrebbe cadere.

L’accordo contiene importanti miglioramenti nei rapporti commerciali con il Canada, in particolare nell’alleggerimento dei dazi e nella rimozione di ostacoli all’esportazione per i vini e le bevande spiritose.

Schermata 2018 06 15 alle 14.51.57

Schermata 2018 06 15 alle 14.56.30

Schermata 2018 06 15 alle 14.56.42

Il Canada è un mercato promettente dove ci sono ampi margini di miglioramento: nel 2017 è stata la quinta destinazione in valore per vini e mosti; nello stesso anno le bevande spiritose hanno registrato andamenti in valore con una crescita dell’11%, mentre gli aceti esportano per un valore pari a 12 milioni di Euro.

Si apre dunque uno scenario di incertezza, ove si andasse verso quella direzione, i settori rappresentati dalla Federazione potrebbero perdere un’occasione importante.

 

Cancellato Vinexpo Hong Kong, l’evento sarà a Shenzhen

19-01-2022 | Estero

Cancellata la fiera Vinexpo di Hong Kong fissata per maggio...

Vini del Monferrato, l’exploit del Ruchè

19-01-2022 | Trend

Il Ruchè docg abbatte la storica barriera del milione di...

L'enoturismo è donna: +12% le prenotazioni dal pubblico femminile

19-01-2022 | Itinerari

Crescono le donne che acquistano le esperienze enoturistiche in cantina...

Il territorio del Collio tra i protagonisti di Wine Odissey

18-01-2022 | Arte del bere

Il Collio, con il suo territorio e la sua tradizione...

Gli aumenti di energia e materie prime rischiano di paralizzare l'agroalimentare. Appello a Draghi

18-01-2022 | News

Per il comparto agroalimentare si prospetta un vero e proprio...

Il biossido di titanio (E171) eliminato dagli elenchi degli additivi alimentari autorizzati

18-01-2022 | Normative

Con la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 18 gennaio 2022 del regolamento...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.