News

Riparte la guerra dei dazi. L'amministrazione di Donald Trump applicherà da oggi 1° giugno importanti dazi doganali sulle importazioni di acciaio alluminio dall'Unione europea, dal Messico e dal Canada. Gli Stati Uniti hanno deciso di non prorogare l'esenzione temporanea concessa all'Europa fino a mezzanotte di ieri e di applicare imposte del 25% sull'acciaio e del 10% sull'alluminio.L'ufficialità è stata data dal segretario al commercio degli Stati Uniti, Wilbur Ross, che ha così confermato le indiscrezioni della vigilia.

Le possibili ritorsioni

Lo scorso 17 maggio l’Unione europea aveva pubblicato il Regolamento di esecuzione 2018/724 relativo ad alcune misure di politica commerciale riguardante determinati prodotti originari degli Usa e, allo stesso tempo, aveva notificato all’Organizzazione Mondiale del Commercio ovvero al Consiglio sullo scambio delle merci, l’elenco dei prodotti originari degli Usa che potevano essere oggetto di sospensione delle concessioni tariffarie, per consentire l’applicazione di dazi doganali supplementari sulle importazioni.

Dazio ad valorem supplementare massimo al 25%

Nell’elenco sono inclusi il whisky ed il bourbon: nella prima fase potrà essere applicato un dazio ad valorem supplementare massimo al 25% a partire dal 20 giugno 2018; nella seconda fase un ulteriore dazio dal 23 marzo 2021 oppure dal quinto giorno successivo al pronunciamento dell’organo di risoluzione delle controversie dell’OMC ove stabilisca che le misure di salvaguardia, sancite dagli Stati Uniti, non sono conformi all’accordo OMC; in questo caso i dazi rimarrebbero in vigore finché gli Stati Uniti non decidessero di far cessare tali misure.

I timori dei produttori di Spirits

 spiritsEUROPE, che rappresenta il settore Spirits a livello europeo (31 associazioni nazionali e le 8 maggiori multinazionali del settore) ha espresso il proprio concerno riguardo le possibili conseguenze della decisione dell’amministrazione Usa e sostiene la Ue nelle azioni volte a risolvere il problema. Le industrie degli Spirits - sia europee che statunitensi - ricorda in una nota spiritsEUROPE sono da sempre fautrici di liberi ed equi scambi commerciali: “il nostro successo globale, costruito su trattati di libero scambio e accordi su tariffe zero ha di fatto beneficiato consumatori, comunità agricole e piccole attività produttive in tutto il mondo”.

Sulle due sponde dell’Atlantico le aziende del settore - sottolinea ancora l’associazione - collaborano, con i rispettivi governi, per migliorare l’accesso al mercato, contrastando ogni forma di protezionismo. Per questo è necessario sostenere ogni sforzo possibile per evitare una spirale pericolosa. “I prossimi giorni saranno critici - afferma Ulrich Adam, direttore generale di spiritsEUROPE - quindi ci auguriamo che Commissione europea e Stati membri si accordino per una risposta equilibrata che da un lato difenda gli interessi europei e dall’altro eviti tensioni e un’ulteriore escalation”.

 

 

Terregiunte, il nuovo "vino d'Italia" sposa Nord e Sud enologici

23-08-2019 | Arte del bere

Il nome è evocativo: «Terregiunte-Vino d’Italia». E indica l'inedito abbraccio...

I gioielli nascosti della Garfagnana, da Barga a Castiglione, assaporando il Candia

23-08-2019 | Itinerari

Borghi medievali, corsi d’acqua spumeggianti, foreste selvagge, colline e picchi...

Addio a Lapo Mazzei, protagonista del Chianti Classico

22-08-2019 | News

All’età di 94 anni si è spento, nella sua tenuta...

L'assenzio di Pontarlier ottiene l'indicazione geografica

21-08-2019 | Arte del bere

L'assenzio di Pontarlier ha ottenuto l'etichetta di indicazione geografica per...

Complessità, acidità e tannini: in Uk la bevanda analcolica con 20 botaniche per accompagnare cibi gourmet

21-08-2019 | Trend

La britannica Nine Elms ha lanciato No.18, una bevanda senza alcool...

In Usa nasce Spirits United, piattaforma online per migliorare e promuovere l'industria delle bevande alcoliche

21-08-2019 | Estero

Il Distilled Spirits Council ha lanciato Spirits United, una piattaforma...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection