News

Venerdì, 04 Maggio 2018

I vini italiani guadagnano la terza posizione in Corea del Sud

di Teresa Capodimonte

Occhi puntati sui mercati asiatici, sempre i più promettenti. Ma se la Cina stenta a dare i risultati sperati, l’Italia scommette sul mercato del vino in Corea del Sud. Qui, infatti, le esportazioni sono in salita del 10,8%, un risultato che ci ha fatto guadagnare la terza posizione per quota di mercato (14,3%), alle spalle di Francia e (32,3%) e Cile (19,1%). Sono gli ultimi dati diffusi dall’Agenzia Ice di Seul che, in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia, ha organizzato la presenza italiana - 17 aziende proveniente da 10 regioni - alla XVI edizione della Seul International Wines & Spirits Expo, principale fiera del settore enologico del Paese. L’ambasciatore italiano a Seul, Marco della Seta, ha ricordato, incontrando gli espositori tricolori, che «la varietà, sia di vitigni sia di denominazioni, è il motivo per il quale l’offerta italiana è superiore a quella degli altri Paesi in Corea del Sud».

Un'offerta variegata, certamente in grado di venire incontro alle preferenze di gusti coreani. Secondo l'ultimo "Flavour and Varietal Preference in the South Korean Market 2018" di Wine Intelligence, i consumatori di vino bianco della Corea del Sud sarebbero attratti da vini descritti come "avvicinabili" (nel senso di "amichevoli e meno formali"), con un equilibrio di morbidezza e dolcezza, bilanciata con una punta di freschezza. Proprio gli indicatori di freschezza e fruttosità, inoltre, sono i più attraenti in termini di sapore, secondo l'indagine. Stesso discorso per i rossi, dove gli intervistati rivelano che i sapori di frutti di bosco e bacche sono più accattivanti rispetto ai descrittori legati alle spezie o all'invecchiamento, come cuoio e vaniglia.

Tuttavia, nei bianchi il Sauvignon Blanc e lo Chardonnay sono i favoriti tra i consumatori di vino della Corea del Sud (ovvero, coloro che bevono vino importato almeno ogni 6 mesi), questa preferenza si mantiene valida anche in diversi segmenti di età, ad eccezione di quelli tra i 19 ei 24 anni, più inclini a preferire lo Chardonnay. I giovani sud coreani preferiscono vini più dolci, e tra questi quelli tra i 25 ei 44 anni hanno, però, indicato il Moscato come la loro varietà favorita.

Nei rossi il Cabernet Sauvignon è il "preferito universale" tra i consumatori di vino della Corea del Sud in tutte le fasce d'età, mentre come il Pinot Nero è molto più apprezzato dai consumatori più giovani.

Trasmissione delle planimetrie di cantine con capacità superiore ai 100 ettolitri

18-07-2018 | Normative

La disposizione prevede che i titolari di cantine o stabilimenti...

Cinque compagnie di alcolici cinesi nella Top 500 di Fortune China

18-07-2018 | Estero

Cinque aziende cinesi produttrici di bevande alcoliche sono entrate a...

Ue-Giappone: siglato accordo libero scambio. Per vino e spiriti rimosso il dazio ad valorem

18-07-2018 | News

Siglata a Tokyo l'intesa tra Giappone e Ue. Un accordo sul...

Modifica dei Regolamenti su Ocm vino e prodotti vitivinicoli aromatizzati: ecco le novità

18-07-2018 | Normative

E’ in corso di discussione a Bruxelles la proposta di...

Onu attacca il Made in Italy: "dannoso come il fumo"

18-07-2018 | News

Vino, olio d’oliva, pizza, Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma nel...

Il Ceta della discordia: confermare le tutele senza allarmismi sui dati export

17-07-2018 | News

Continua ad infiammarsi la polemica sul Ceta, l’accordo commerciale tra...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori, Esportatori ed Importatori di Vini, Vini Spumanti, Aperitivi, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed Affini

Please publish modules in offcanvas position.