News

Federvini accoglie con favore la tempestiva azione del Governo, annunciata ieri dal Ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida, che attraverso un parere circostanziato trasmesso alla Commissione europea ha espresso rilievi critici sui contenuti del decreto belga che vorrebbe imporre avvertenze sanitarie da adottarsi in tutte le forme di pubblicità delle bevande alcoliche.

Nel ribadire il sostegno alla promozione di un consumo responsabile e la necessità di tutelare i minori - impegno profondamente  condiviso da Federvini - il Governo ha reso noto di aver evidenziato alla Commissione europea alcune sostanziali criticità quali l’incertezza circa il contenuto del messaggio informativo sanitario che dovrà essere definito, l’ampiezza non circoscritta del termine ‘pubblicità’ e il rischio che si producano potenziali limiti alla libera circolazione delle merci con conseguenze ignote per le imprese del settore.

Rimaniamo fermamente convinti che i consumatori meritino di essere correttamente informati e che sia necessario maggiore impegno nell’educazione per contrastare ogni forma di abuso di alcol. Ciò deve però avvenire nell’ambito di un corpus giuridico omogeneo a livello europeo. Permettere agli stati membri di procedere in ordine sparso non solo è contrario ai principi del mercato unico ma in ultima analisi riteniamo non vada negli interessi dei consumatori europei che finirebbero per essere destinatari di messaggi disomogenei e potenzialmente contraddittori” ha affermato la Presidente di Federvini Micaela Pallini.

L’attenzione delle Istituzioni italiane al mantenimento di un quadro regolamentare armonico nel territorio dell’Unione europea rappresenta un fattore essenziale per la competitività dei comparti produttivi rappresentati da Federvini, oltre che per la corretta informazione dei consumatori.

Il parere circostanziato che il Governo ha depositato ieri è un atto che conferma ancora una volta l’attenzione e la sensibilità delle nostre Istituzioni allo sviluppo di un settore che ricopre un ruolo strategico per l’economia nazionale. Federvini accoglie positivamente quest’iniziativa che va nella direzione di contrastare un provvedimento come quello belga che rischia di minare l’uniformità del quadro normativo europeo e di determinare un impatto deleterio per gli operatori d’impresa” ha commentato la Presidente di Federvini Micaela Pallini.

Si attende ora l’avvio della fase cruciale di confronto istituzionale che vedrà in sede comunitaria la replica del Belgio ai rilievi formulati dall’Italia.

 

La Cina minaccia nuovi dazi sui prodotti europei, nel mirino anche i vini

22-05-2024 | News

La Cina potrebbe prendere di mira le esportazioni di vino...

Brasile, alluvioni devastanti mettono in ginocchio i vigneti del Rio Grande do Sul

21-05-2024 | Estero

Il Rio Grande do Sul è stato colpito da abbondanti...

"Manifesto" delle aziende vinicole europee: 6 priorità per garantire la sostenibilità del settore

21-05-2024 | News

Il Comitato Europeo delle Aziende Vinicole (Ceev) ha pubblicato oggi...

Australia conferma l'aumento delle accise sugli alcolici anche nel 2025

21-05-2024 | Estero

Durante la presentazione del Bilancio Federale per il 2024-2025, il...

Consultazione nel Regno Unito su 60 leggi relative ad alimentari e bevande ereditate dalla Ue

21-05-2024 | Estero

I governi del Regno Unito, della Scozia, dell'Irlanda del Nord...

Whisky: produttori scozzesi e Usa uniti contro il rischio di ripristino dei dazi

21-05-2024 | News

Tra ottobre 2019 e marzo 2021, i produttori di Single...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.