News

Il settore agroalimentare si conferma un pilastro dell'economia italiana, com’è stato ribadito alla presentazione dell’Annuario dell’Agricoltura Italiana del 2022, alla quale è intervenuto Mario Pezzotti, commissario straordinario del Crea: "Conoscere, comprendere e interpretare, attraverso la ricerca, i processi evolutivi in agricoltura è indispensabile per supportare la sostenibilità e la competitività non solo del nostro agroalimentare, ma dell’intero Sistema Paese. E, in questo senso, l’Annuario del Crea ne è senz’altro la sua migliore rappresentazione”.

Il comparto genera un fatturato di circa 621 miliardi di euro, corrispondente al 15% del totale nazionale. La performance positiva proviene dall'agricoltura, dall'industria alimentare e delle bevande, quest'ultima contribuente al 40% del totale. L’analisi regionale rivela differenze significative: Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto sono responsabili del 42% del valore totale, seguite da Campania, Lazio e Piemonte con il 22%. Il comparto agroalimentare rappresenta il 60% della bioeconomia, contribuendo all'11% della produzione nazionale.

Le dinamiche di scambio internazionale nel 2022 hanno raggiunto nuovi picchi, con importazioni a quasi 63 miliardi di euro (+29,3%) ed esportazioni vicine ai 60 miliardi di euro (+16%). Le Regioni settentrionali dominano i flussi, coprendo oltre il 70% del totale, mentre il Sud contribuisce solo al 16% delle importazioni e all'18,6% delle esportazioni.

L'agricoltura mostra una crescente diversificazione per quanto concerne il 6% delle aziende italiane, il doppio se gestite da giovani agricoltori. Nonostante le sfide climatiche, il settore agricolo contribuisce alla produzione di energia rinnovabile, con una riduzione delle emissioni del 2,7% rispetto al 2021. La spesa pubblica per l'agricoltura si attesta sui 12 miliardi di euro, rappresentando il 34% del valore aggiunto settoriale nel triennio 2020-2022, con oltre due terzi provenienti dall'Ue.

Inoltre, l'analisi a medio-lungo termine evidenzia le sfide agro-meteo-climatiche in Italia, come l'aumento delle temperature, impatti sulle colture e lo stress da caldo per gli animali da allevamento.

"Il quadro che l’Annuario ci restituisce pone l’accento sui temi della sostenibilità, ma anche della capacità del settore di trovare nuove strade di eccellenza per primeggiare sullo scenario internazionale. Non tutto il nostro Paese, tuttavia, viaggia alla stessa velocità e le differenze regionali mostrano le debolezze di alcuni sistemi produttivi su cui le politiche di sostegno dovrebbero focalizzare l’attenzione" ha sottolineato Alessandra Pesce, direttrice del Crea Politiche e Bioeconomia. 

 

Qatar Duty Free acquisisce il monopolio di vendita degli alcolici

01-03-2024 | Estero

Qatar Duty Free ha annunciato l'acquisizione completa di Qatar Distribution...

Whiskey re dell’export di spirits Usa con una quota del 63%

01-03-2024 | Estero

Whiskey sul podio delle esportazioni di spirits americane, con una...

Grandi Borgogna: per acquistarli in Norvegia fino a un mese davanti al negozio in tenda

29-02-2024 | Trend

I norvegesi più appassionati di vini di Borgogna anche quest’anno...

Maxi furto di vini di pregio in Borgogna

29-02-2024 | Arte del bere

Un dipendente di una casa vinicola della Borgogna è sospettato...

Approvato il Ddl sull'imprenditoria giovanile nel settore agricolo

29-02-2024 | Normative

Il Senato ha dato il suo via libera definitivo al...

Via libera definitiva al Regolamento sulle IG: ecco tutte le novità per la Dop economy

29-02-2024 | News

Il nuovo regolamento sulle Indicazioni geografiche dell'Unione europea di vini...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.