News

Il Ministro britannico dell'Alimentazione e delle Bevande Mark Spencer ha annunciato che il Governo è pronto ad avviare le nuove riforme sull'industria vinicola britannica. Queste misure - ha detto - favoriranno gli investimenti, la crescita e l'occupazione. Si è tenuto conto dei risultati di una consultazione pubblica sulla materia (Wine: reforms to retained EU law). Le nuove norme entreranno in vigore nel 2024.

Il feedback dell'industria vinicola secondo il Governo ha dimostrato "che alcune norme contenute nelle attuali 400 pagine di regolamenti soffocano l'innovazione e impediscono l'introduzione di pratiche più efficienti e sostenibili".

Le modifiche previste comprenderanno l'eliminazione di requisiti di imballaggio costosi e ingombranti, come l'eliminazione dell'obbligo di tappi di alluminio e di tappi a forma di fungo per alcuni vini spumanti. Ciò ridurrà i rifiuti inutili e i costi di imballaggio per le aziende. Verranno inoltre eliminate le norme obsolete sulle forme delle bottiglie, consentendo ai produttori di utilizzarne di diverse.

Il governo eliminerà anche l'obbligo di indicare sull'etichetta dei vini importati l'indirizzo dell'importatore; l'operatore del settore alimentare (OSA), responsabile di garantire il rispetto di tutti i requisiti di legge, dovrà comunque essere identificato sull'etichetta, come richiesto di norma per i prodotti alimentari. In questo modo "si creerà un commercio più fluido e si ridurranno gli oneri amministrativi".

Ulteriori riforme daranno ai produttori maggiore libertà di utilizzare varietà ibride di uva. Ciò consentirà ai coltivatori di scegliere la varietà più adatta e di ridurre le perdite di viti a causa di malattie o cambiamenti climatici, offrendo al contempo una maggiore scelta ai consumatori.

"Nel Regno Unito abbiamo un settore vitivinicolo vario e dinamico, ma per troppo tempo i nostri produttori e commercianti sono stati frenati dalla burocrazia ereditata dall'UE", ha dichiarato il ministro Spencer. "Le riforme che abbiamo annunciato oggi - ha aggiunto - eliminano regole obsolete e onerose, in modo che le nostre cantine, i nostri vigneti e i nostri commercianti possano continuare a innovare e a far crescere la nostra economia".

Le misure del Governo sono state accolte con favore dagli operatori del settore. Molte di queste, ha detto Miles Beale, direttore generale dell'Associazione britannica del commercio del vino e degli alcolici, "sono state richieste dalla WSTA da diversi anni. L'eliminazione delle norme restrittive sull'etichettatura degli importatori ridurrà significativamente l'impatto post-Brexit dell'obbligo di avere un'etichetta unica per il Regno Unito. Il passaggio all'etichettatura dell'operatore del settore alimentare dovrebbe consentire un'etichetta comune per i mercati del Regno Unito e dell'UE, che manterrà il Regno Unito come un mercato di destinazione attraente e sosterrà il nostro obiettivo di far sì che i consumatori britannici continuino ad avere accesso alla più ampia scelta possibile di vini provenienti da tutto il mondo. In un momento in cui le aziende stanno facendo tutto il possibile per ridurre al minimo i rifiuti da imballaggio, le modifiche alle regole di confezionamento saranno positive per le aziende, l'ambiente e i consumatori".

.

La consultazione è disponibile QUI.

Pubblicato regolamento su indicazioni geografiche

23-04-2024 | Normative

Sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 23 aprile 2024 è...

All’Accademia dei Georgifili si celebra il centenario di Oiv

23-04-2024 | Arte del bere

Festa a Firenze per i 100 di vita dell'Organizzazione internazionale...

Il labirinto della vite: un viaggio sensoriale nell'enologia e nell'arte

23-04-2024 | Arte del bere

Nel cuore dei comuni di Bassiano, Sezze e Sermoneta, la...

Aumento delle accise sul vino in Russia: come influirà sui prezzi al consumo?

23-04-2024 | Estero

L'aumento delle accise sui prodotti vinicoli in Russia non dovrebbe...

Sughero vs vite: un dibattito sulla sostenibilità delle chiusure nel mondo del vino

23-04-2024 | Studi e Ricerche

L'uso dei sugheri rispetto alle chiusure a vite nel mondo...

Rinviata a luglio 2025 l'entrata in vigore delle nuove normative Eaeu sul vino

23-04-2024 | Normative

L'entrata in vigore delle nuove normative tecniche dell'Unione economica eurasiatica...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.