News

Finora sono stati usati per scrivere articoli, fare ricerche, persino creare scatti fotografici. Ma fino adesso nessuno ha seriamente pensato all'uso dell'intelligenza artificiale nel mondo degli alcolici. Kevin Shaw, responsabile di un'azienda di design per il packaging di bevande alcoliche ha lanciato l'allarme: "produttori di vino, importatori, consumatori, sommelier, designer di etichette, giornalisti e fotografi, occhio, l'AI sta arrivando anche per voi". Shaw ha illustrato i rischi ma ammesso che esiste anche un'opportunità enorme, senza precedenti, di utilizzare la potenza, l'influenza e la scala dell'AI "a nostro vantaggio, ma prima dobbiamo capire cosa può fare e quale potenziale impatto positivo può avere sui settori del vino, delle bevande, della vendita al dettaglio e dell'ospitalità".

Dii recente l'AI ha creato in Francia un blend seguendo le indicazioni di un'enoteca (chiedeva un "vino biologico eccezionale e fruttato della regione di Languedoc con i vitigni Grenache e Syrah") e un'etichetta di vino. AI ha persino scritto una recensione. "Non riesco a pensare a chi non ne sarà influenzato - continua Shaw - ma inizierò con il mio settore specifico: ciò che due designer impiegavano una settimana per realizzare, ora può essere fatto da uno solo in un giorno. È lo strumento di progettazione più potente da quando è sbarcata Apple e io ero presente quando è successo e un'intera generazione di grafici ha iniziato a cercare altri lavori".

Un'app Sommelier è già in funzione, grazie all'intelligenza artificiale sarà ancora più fruibile. Un enologo può essere sostituito da un'intelligenza artificiale? Certo non per produrre un'etichetta super premium ma per un vino da tavola senza troppe pretese potrebbe bastare: l'AI assembla tutte le analisi di laboratorio dal tuo telefono e ti dice cosa fare dopo. Questa tecnologia è già qui, afferma Shaw.

E l'enoteca o il buyer di un supermercato? L'AI può aiutarlo a indicizzare tutti i vini che ha acquistato, analizzare le vendite in ogni settore, inserire le tendenze e i dati demografici dei consumatori e proporre una serie di scaffali perfettamente ottimizzati con una serie di etichette private perfettamente nella media. "Fa tutto questo in due minuti, si aggiorna ogni tre secondi e gestisce tutta la logistica meglio di quanto potrebbe fare un essere umano - afferma Shaw -. I motori di ricerca potrebbero fare tutto questo già ora. Con ogni rivenditore. Contemporaneamente. Mancano solo alcuni dati e alcune righe di codice".

Difficile al momento bilanciare rischi e opportunità e guidare verso un utilizzo razionale. Forse il rischio principale è quello dell'omologazione. Sta già girando una barzelletta sull'intelligenza artificiale. Un algoritmo di apprendimento automatico entra in un bar. Il barista chiede: "Cosa prende?". E l'algoritmo risponde: "Cosa prendono gli altri?".

Foto Unsplash

Per il centenario Oiv lancia un concorso fotografico sul cambiamento climatico

24-05-2024 | News

Nell’ambito del Centenario dell’OIV e dell’Anno internazionale della vigna e...

Cina, la lenta avanzata dei wine bar

24-05-2024 | Trend

Continua la crescita dei bar in Cina. La “Guida ai...

Scoperte in una cantina austriaca ossa di mammut di 40mila anni fa

24-05-2024 | Trend

Un viticoltore austriaco ha fatto una scoperta spettacolare durante i...

Centenario per Martinotti, il padre della spumantizzazione italiana

24-05-2024 | Arte del bere

Sono in molti a ritenere che Federico Martinotti non abbia...

Emanuele Orsini eletto nuovo Presidente di Confindustria

24-05-2024 | News

L'imprenditore emiliano Emanuele Orsini, attivo nei settori dell'edilizia in legno...

Prezzi delle bevande alcoliche in Canada: la risposta del board dell’Ontario ai produttori

22-05-2024 | News

La Lcbo (Liquor Control Board of Ontario) ha preso atto...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.