News

Sta per diventare realtà il progetto i di ricostruzione di un antico vascello che nel XV secolo veniva utilizzato per il trasporto di vino. Secondo quanto riporta il sito britannico Decanter, gli specialisti sono pronti a iniziare la ricostruzione della cosiddetta "nave di Newport", dopo che sono stati completati più di 20 anni di lavori di conservazione sui legni originali del vascello mercantile, portati alla luce per la prima volta nel 2002 nel Galles meridionale.

La scoperta ha permesso agli archeologi di conoscere meglio lo stile di vita del XV secolo. Si ritiene che la Newport Ship trasportasse vino dal Portogallo alla Gran Bretagna, probabilmente a Bristoli. Altre navi storiche sono state restaurate e conservate in tutto il mondo, ma l'età della Newport Ship contribuisce a renderla "unica come patrimonio", ha dichiarato Toby Jones, curatore del Newport Medieval Ship Project, che ha descritto la ricostruzione dell'imbarcazione come "un enorme puzzle in 3D". Ci sono circa 2.500 legni, dai frammenti più piccoli ai pezzi più grandi. Alcuni di essi pesano mezza tonnellata ciascuno, ha detto Jones, aggiungendo che il piano prevede che il Consiglio di Newport scelga prima un sito in cui ospitare la nave, prima che un team di specialisti ricrei l'imbarcazione sul posto.

Circa un terzo della nave originale è stato recuperato, ha detto Jones: la ricostruzione richiederà probabilmente diversi anni e si prevede che l'imbarcazione sarà esposta ai visitatori, eventualmente sfruttando la realtà aumentata per dare una visione di come sarebbe stata la nave in piena navigazione.

La datazione dei legni originali suggerisce che la nave sia stata costruita dopo il 1449. Nonostante l'origine basca, le prove archeologiche indicano che la nave trasportava merci provenienti dall'Algarve, in Portogallo. Tra questi c'è anche il vino, ha detto Jones, citando le prove trovate e anche i documenti storici generali sui beni commerciati all'epoca.

"Il commercio di vino era enorme a metà del XV secolo - ha affermato -. Abbiamo trovato parti di 100 botti a bordo e abbiamo anche trovato enormi quantità di noci, semi e monete, tutti oggetti che possono essere localizzati in modo molto preciso. Tutto questo è Algarve, Portogallo".

Si pensa che la nave si sia recata in Portogallo molto probabilmente alla fine dell'estate, in tempo per la vendemmia, prima di riportare il vino in botte. L'equivalente in bottiglie sarebbe di circa 225.000 esemplari.

Photo credit: Newport Museums & Heritage Service

Qatar Duty Free acquisisce il monopolio di vendita degli alcolici

01-03-2024 | Estero

Qatar Duty Free ha annunciato l'acquisizione completa di Qatar Distribution...

Whiskey re dell’export di spirits Usa con una quota del 63%

01-03-2024 | Estero

Whiskey sul podio delle esportazioni di spirits americane, con una...

Grandi Borgogna: per acquistarli in Norvegia fino a un mese davanti al negozio in tenda

29-02-2024 | Trend

I norvegesi più appassionati di vini di Borgogna anche quest’anno...

Maxi furto di vini di pregio in Borgogna

29-02-2024 | Arte del bere

Un dipendente di una casa vinicola della Borgogna è sospettato...

Approvato il Ddl sull'imprenditoria giovanile nel settore agricolo

29-02-2024 | Normative

Il Senato ha dato il suo via libera definitivo al...

Via libera definitiva al Regolamento sulle IG: ecco tutte le novità per la Dop economy

29-02-2024 | News

Il nuovo regolamento sulle Indicazioni geografiche dell'Unione europea di vini...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.