News

L'Italia non è sola nella battaglia contro le etichette allarmanti sulle bevande alcoliche. Secondo quanto riporta Il Sole 24 Ore, il nostro Paese presenterà infatti a Bruxelles un documento comune preparato insieme a Francia e Spagna, due big della produzione vinicola del continente, che altri cinque membri Ue Portogallo, Danimarca, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria sarebbero pronti a firmare. Lo ha annunciato ieri il ministro dell'Agricoltura e della sovranità alimentare, Francesco Lollobrigida, a margine del Consiglio dei ministri dell'Agricoltura Ue a Bruxelles. A Madrid è compatto il fronte contro la normativa irlandese, che introduce sulle bottiglie di vino e altri alcolici scritte allarmistiche simili a quelle dei pacchetti delle sigarette: «Ogni approccio unilaterale sinceramente non mi sembra adatto - ha detto ieri il ministro spagnolo dell'Agricoltura, Luis Planas - dobbiamo preservare il mercato unico e questo vuol dire avere un approccio comune. Abbiamo rispetto delle competenza degli Stati membri in materia di salute, però qui stiamo regolamentando un prodotto alimentare riconosciuto dal Trattato di funzionamento dell'Ue e abbiamo chiesto alla Commissione di pronunciarsi su questo tema».

Con il suo silenzio-assenso, invece, nelle scorse settimane la Commissione europea non solo ha di fatto avallato la normativa di Dublino, ma ha anche creato un precedente pericoloso per il nuovo regolamento sulle etichette alimentari che la Ue dovrebbe preparare entro la fine di quest'anno. Dello stesso parere il ministro dell'Agricoltura francese, Marc Fesneau: «Ci sono già delle campagne di sensibilizzazione sul consumo moderato di alcolici in corso in tutti i Paesi, l'idea di aggiungere altro non ci sembra equilibrata e su questo siamo in disaccordo con gli amici irlandesi. Poi vedremo il dibattito, ma sul tema la Francia è sulla posizione già espressa dal mio collega spagnolo e italiano».

Italia, Francia e Spagna da sole rappresentano il 47% di tutte le bottiglie di vino prodotte nel mondo. Il ministro Lollobrigida ha anche incontrato il suo omologo irlandese, Charlie McConalogue, al quale ha simbolicamente regalato una bottiglia di vino made in Italy. «Ho avuto modo di spiegare le nostre ragioni su quello che deve essere un sistema di informazione corretto - ha detto Lollobrigida - quello che chiediamo è un'etichetta che non specifichi che il vino danneggia la salute, ma in cui si specifichi che quello che eventualmente fa danni è l'eccesso di consumo».

In un primo momento, il ministro McConalogue si è limitato a ricordare che sulla normativa emanata dal suo Paese ha voce in capitolo anche il ministero della Sanità. In serata, però, da fonti diplomatiche irlandesi sono trapelate dichiarazioni meno concilianti: la decisione di Dublino sulle etichette speciali con avvertenze sanitarie «segue una legislazione nazionale del 2018 che ha anticipato la presa di posizione molto positiva della Commissione Ue su una misura analoga nel Piano per battere il cancro. Quindi per noi la mancata opposizione da parte di Bruxelles rappresenta un altro importante passo per adottare queste norme». L'Irlanda, insomma, sembra determinata da andare avanti per la sua strada.

Foto Unsplash

 

Usa: in arrivo una strategia nazionale per ridurre gli sprechi alimentari e migliorare il riciclo

20-06-2024 | Estero

Il 12 giugno 2024, la Food and Drug Administration (Fda)...

La Thailandia rivede la legge sul controllo degli alcolici

20-06-2024 | Arte del bere

Il 12 giugno 2024, un Comitato dell'Assemblea Nazionale della Thailandia...

Vino: Lollobrigida soddisfatto per la chiusura della procedura di notifica belga all’Ue

19-06-2024 | News

Il ministro dell'Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco...

La Russia minaccia di applicare dazi del 200% sul vino di alcuni paesi europei

19-06-2024 | Estero

Il governo russo ha minacciato di imporre una tariffa del...

Assemblea generale di spiritsEUROPE a Roma: impegno contro gli abusi, no al proibizionismo

18-06-2024 | News

Ha preso il via oggi a Roma l’Assemblea Generale di spiritsEUROPE...

Via libera Ue alla Nature Restoration Law, il regolamento sul ripristino delle aree naturali

18-06-2024 | News

Il Consiglio dell’Unione Europea, l’istituzione che riunisce i ministri dei...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.