News

L'Italia lancia una controffensiva contro i sostanziale via libera dell'Unione europea - grazie al silenzio-assenso - al progetto di legge irlandese sugli "alert sanitari" in etichetta su vino e spirits. In difesa del patrimonio eno-gastronomico nazionale, il ministro degli esteri Antonio Tajani ha auspicato il ricorso al Wto.

"Crediamo che dietro questa scelta ancora una volta si miri non a garantire la salute ma a condizionare i mercati", ribadisce il ministro dell'agricoltura e della sovranità alimentare, Francesco Lollobrigida. Tajani, ha annunciato su twitter la richiesta d'intervento del Wto da parte della Commissione Ue, "perché è assurda la decisione dell'Irlanda di introdurre un'etichetta per tutte le bevande alcoliche, incluso il vino italiano, nonostante la contrarietà del Parlamento europeo".

Tajani e Lollobrigida hanno indirizzato una lettera al Commissario Ue per il mercato interno e i servizi, Thierry Breton, per sollevare la questione. "La scelta di Dublino incide negativamente sulla libertà degli scambi e sulla libera circolazione delle merci all'interno dell'Unione", si legge nella lettera. "L'Italia sostiene un approccio informativo volto a educare i consumatori a comportamenti responsabili e a scelte consapevoli, senza però l'adozione di misure nazionali di carattere arbitrario. Chiediamo pertanto un suo intervento a tutela del corretto funzionamento del mercato interno, in linea con la giurisprudenza Ue che vieta restrizioni quantitative", scrivono i due ministri.

Sul tema le istituzioni italiane si sono dimostrate compatte. Questa scelta è "gravissima", ha detto Lollobrigida, tanto più che "viene da nazioni che non producono vino e dove si abusa di superalcolici. Si vuole equiparare il vino ai superalcolici, ma il vino "utilizzato in modo moderato è alimento sano".

Tutto questo accade proprio quando l'Italia del vino segna un record storico nell'export, per un valore vicino agli 8 miliardi di euro nel 2022, un settore che fattura complessivamente 14 miliardi di euro e offre opportunità di lavoro a 1,3 milioni di persone.

 

Qatar Duty Free acquisisce il monopolio di vendita degli alcolici

01-03-2024 | Estero

Qatar Duty Free ha annunciato l'acquisizione completa di Qatar Distribution...

Whiskey re dell’export di spirits Usa con una quota del 63%

01-03-2024 | Estero

Whiskey sul podio delle esportazioni di spirits americane, con una...

Grandi Borgogna: per acquistarli in Norvegia fino a un mese davanti al negozio in tenda

29-02-2024 | Trend

I norvegesi più appassionati di vini di Borgogna anche quest’anno...

Maxi furto di vini di pregio in Borgogna

29-02-2024 | Arte del bere

Un dipendente di una casa vinicola della Borgogna è sospettato...

Approvato il Ddl sull'imprenditoria giovanile nel settore agricolo

29-02-2024 | Normative

Il Senato ha dato il suo via libera definitivo al...

Via libera definitiva al Regolamento sulle IG: ecco tutte le novità per la Dop economy

29-02-2024 | News

Il nuovo regolamento sulle Indicazioni geografiche dell'Unione europea di vini...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.