News

«Possiamo battere la Borgogna, è l'ora dei grandi vini rossi inglesi. Saranno vini di livello mondiale». Il trionfale annuncio è stato dato dal quotidiano britannico Times. È  basato su uno studio pubblicato sulla rivista francese di scienze della viticoltura OENO One. La viticoltura nel Regno Unito - rileva la rivista - è cresciuta di quasi il 400%, passando da 761 a 3800 ettari tra il 2004 e il 2021, periodo in cui il vino spumante ha iniziato a dominare la produzione del Paese. Sebbene la piena capacità di mercato del settore rimanga ancora non definita, esiste un potenziale significativo per lo sviluppo di terreni viticoli di prima scelta nel paese.

Il cambiamento climatico porta in questa direzione, arrivando a condizionare le opportunità di ulteriori cambiamenti di varietà e/o stile di vino. Simulando la prevista ripetizione della stagione di massima resa del Regno Unito (2018) e utilizzando un approccio analogico per modellare le temperature medie del periodo vegetativo 1999-2018 delle aree di produzione del Pinot nero di Champagne, Borgogna e Baden (Germania) sul Regno Unito nel periodo 2021-2040 lo studio francese prevede un aumento della GST da un intervallo spaziale 1999-2018 di 13,0 (soglia minima)-15,7 °C a un intervallo futuro (2021-2040) di 13,0-17,0 °C, e dei giorni di grado di crescita (GDD) da 850 (soglia minima)-1267 a 850-1515.

Le precipitazioni della stagione vegetativa (GSP) dovrebbero diminuire in alcune aree viticole del Regno Unito, ma non sono considerate un fattore limitante per la viticoltura. Secondo le simulazioni, l'elevata variabilità meteorologica interannuale rimarrà una caratteristica del clima viticolo del Regno Unito. Secondo le proiezioni, ampie aree del Regno Unito avranno rese potenzialmente più elevate in futuro. La media 1999-2018 di GST e GDD di Champagne, Borgogna e Baden è prevista per gran parte dell'Inghilterra e per alcune aree dell'estremo sud e sud-est del Galles nel periodo 2021-2040, con aree significative che si prevede abbiano > 25 % di anni all'interno degli intervalli BCI delle migliori annate di Champagne. "Questi risultati - conclude lo studio - indicano un maggiore potenziale del Pinot nero per i vini spumanti e una minore attitudine alla produzione di vini rossi fermi. Tenere conto dei cambiamenti nell'idoneità delle varietà e degli stili di vino sarà essenziale per massimizzare le opportunità e costruire la resilienza di questa regione vinicola in rapida espansione.

0E325052 AAF2 4E71 9F6F ECDD2C87EF32

Prima del 2004 i vitigni dominanti coltivati nel Regno Unito erano Reichensteiner, Seyval Blanc e Müller-Thurgau, tolleranti ai climi più freddi. Al contrario, le varietà dominanti coltivate nel 2020 sono state il Pinot nero, lo Chardonnay e il Pinot Meunier, che rappresentano rispettivamente il 33, il 32 e il 13 % della superficie totale piantata e sono costituite prevalentemente dai cloni più adatti alla produzione di vino spumante secondo il metodo tradizionale. Il Bacchus (~5% della superficie vitata del Regno Unito), invece, domina attualmente la produzione di vino fermo nel Regno Unito. Queste varietà sono coltivate in vista di stili di vino e mercati specifici, potenzialmente con obiettivi di certificazione DOC o IGP, ma anche come adattamento e risposta all'aumento delle temperature nella stagione di crescita. I vini prodotti nel Regno Unito, in particolare i vini spumanti, attirano ormai abitualmente riconoscimenti e consensi internazionali per la loro qualità.

Il Pinot nero - ricorda OENO One - è uno dei vitigni rossi più diffusi al mondo, spesso riconosciuto per il suo utilizzo in Borgogna per la produzione di vini rossi fermi di alto valore e da parte delle case di Champagne. È stata descritta come "l'uva del terroir per eccellenza", con infinite sfumature di espressione e una complessa gamma di aromi e sapori. Diversi cloni di Pinot nero sono coltivati per produrre vini fermi o spumanti, anche se, in alcune regioni, tra cui il Regno Unito, i cloni sono talvolta utilizzati in modo intercambiabile tra gli stili di vino. Nel Regno Unito il Pinot nero viene coltivato prevalentemente per la produzione di spumanti, perché storicamente il raggiungimento di livelli di maturazione adeguati per la produzione di vini rossi fermi di alta qualità è stato possibile solo in poche località, in anni eccezionalmente caldi come il 2018. Con l'avanzare dei cambiamenti climatici, tuttavia, i cloni di Pinot nero piantati per la produzione di vino rosso fermo potrebbero diventare sempre più performanti in un'ampia area di coltivazione del Regno Unito.

Per il centenario Oiv lancia un concorso fotografico sul cambiamento climatico

24-05-2024 | News

Nell’ambito del Centenario dell’OIV e dell’Anno internazionale della vigna e...

Cina, la lenta avanzata dei wine bar

24-05-2024 | Trend

Continua la crescita dei bar in Cina. La “Guida ai...

Scoperte in una cantina austriaca ossa di mammut di 40mila anni fa

24-05-2024 | Trend

Un viticoltore austriaco ha fatto una scoperta spettacolare durante i...

Centenario per Martinotti, il padre della spumantizzazione italiana

24-05-2024 | Arte del bere

Sono in molti a ritenere che Federico Martinotti non abbia...

Emanuele Orsini eletto nuovo Presidente di Confindustria

24-05-2024 | News

L'imprenditore emiliano Emanuele Orsini, attivo nei settori dell'edilizia in legno...

Prezzi delle bevande alcoliche in Canada: la risposta del board dell’Ontario ai produttori

22-05-2024 | News

La Lcbo (Liquor Control Board of Ontario) ha preso atto...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.