News

Il settore Horeca in tutto il mondo negli ultimi mesi ha sofferto una grande carenza di organici. Sembra che i giovani non vogliano più lavorare in bar e ristoranti. Difficoltà nelle nuove assunzioni e sempre più spesso dipendenti che lasciano e cambiano vita. Tutti si chiedono come affrontare la situazione prima che sia troppo tardi (nella ristorazione si sono già viste chiusure per l'impossibilità di reperire personale sufficiente).

Il 31 maggio lo UK Hospitality & Tourism Skills Board ha diffuso e illustrato un nuovo dettagliato progetto volto a risolvere la crescente crisi del settore. La strategia individua cinque aree chiave che sono parte integrante della soluzione del problema: reclutamento, competenze e formazione, vita lavorativa, immagine del settore e infrastrutture. Come afferma la ceo Kate Nicholls "alla riapertura dopo la pandemia la nostra capacità di ripresa è stata limitata da una restrizione dei talenti. Rischiamo di perdere delle opportunità come economia se non siamo in grado di far funzionare tutti i livelli".

0500E5AE 2DD3 4F70 ADE1 94CFCE6BD06A

Forse il più importante è la questione del reclutamento. La mancanza di 170.000 posti di lavoro nel settore è una delle principali cause di preoccupazione. Con un posto di lavoro su dieci non occupato, il doppio rispetto al livello pre-pandemia, è necessario adottare misure per arginare la crisi del personale. In collaborazione con l'Hospitality & Tourism Skills Board, la strategia sarà attuata a livello locale e nazionale. Si invoca lo sviluppo di competenze trasferibili, la flessibilità degli orari di lavoro e la prospettiva di una rapida promozione come fattori che rendono le carriere nel settore alberghiero e della ristorazione molto interessanti. Sebbene la crisi della forza lavoro sia internazionale e riguardi molti settori, è stata avvertita in modo acuto nell'ospitalità britannica.

Nicholls ha sostenuto che gran parte dello stigma che circonda le carriere nel settore dell'ospitalità nel Regno Unito può essere ricondotto all'enfasi posta sulla formazione accademica piuttosto che su quella professionale: "Finché le scuole saranno accreditate in base al numero di studenti che portano all'università, la formazione professionale sarà sempre vista come di seconda classe". L'esperta osserva inoltre che "è difficile competere come ristorante quando Amazon offre posti di lavoro a 20 sterline l'ora".

Anche se il lavoro nell'ospitalità può essere visto come adatto ai giovani in cerca di un part-time, la strategia cerca di aumentare l'inclusività in tutte le fasce d'età. Tra gli adulti britannici in età lavorativa, solo uno su cinque considera l'ospitalità un settore interessante dove lavorare. Tuttavia, l'accento è ancora posto sul coinvolgimento della generazione Z, attraverso le scuole e gli apprendistati.

Al via le domande per contributi a Comunità Energetiche Rinnovabili (Cer)

10-04-2024 | Normative

Sul sito del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (Mase)...

Da maggio in vigore l’accordo di libero scambio tra Ue e la Nuova Zelanda

10-04-2024 | News

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 9 aprile 2024 è...

Investimenti e ristrutturazione vigneti: i chiarimenti Agea

10-04-2024 | Normative

Nel corso della settimana è stata pubblicata sul sito di...

Il tappo a vite celebra i 60 anni, oggi adottato in 40 paesi

10-04-2024 | Trend

Quest'anno ricorre il 60° anniversario dell'adozione dei tappi a vite...

Anche il Portogallo, ottavo paese europeo, adotta il Nutriscore

10-04-2024 | News

Anche il Portogallo ha adottato il Nutriscore, l’etichettatura “a semaforo”...

Ministro delle Finanze della Repubblica Ceca favorevole a una tassa sui vini fermi

08-04-2024 | Estero

Il Ministro delle Finanze della Repubblica Ceca, Zbyňek Stanjura si...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.